Il senatore Giarrusso espulso dal Movimento 5 Stelle | ilSicilia.it :ilSicilia.it

rapporti da tempo ai ferri corti

Il senatore Giarrusso espulso dal Movimento 5 Stelle

di
22 Aprile 2020

Il senatore Mario Michele Giarrusso è stato espulso dal Movimento 5 Stelle. Il M5s lo ha comunicato nelle scorse ore.

Ufficialmente la decisione è stata presa perchè da tempo il senatore catanese non avrebbe restituito parte dello stipendio parlamentare, come invece previsto dallo statuto dei grillini, anche se in realtà i rapporti fra l’esponente politico e il movimento erano compromessi da tempo. Giarrusso, in passato, si era difeso da questa accusa motivando che i soldi erano messi da parte per potersi difendere in alcuni procedimenti giudiziari in corso.

“Questo non è il Movimento 5 Stelle per cui abbiamo lavorato tanti anni e con tanta fatica”, aveva detto nei mesi scorsi il senatore grillino, lanciando pesanti accuse nei confronti dei vertici del M5s: “Ogni volta che un attivista vede uno Spatafora, un Buffagni o una Castelli – scrive su Facebook – viene colto da conati di vomito e fugge via disgustato. Dobbiamo dire basta a questi frutti avvelenati ed a chi li ha coltivati, sostenuti e difesi”.

Mario Michele Giarrusso è uno degli esponenti storici del Movimento, da quando oltre dodici anni fa aveva aderito al gruppo degli “Amici di Beppe Grillo”. In passato era stato vicino alla Rete di Leoluca Orlando.

Oltre al senatore, nelle scorse ore è stato espulso anche il deputato nazionale Nicola Acunzo, attore prestato alla politica.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro