Il sicilianista Busalacchi comincia la campagna elettorale per la scalata a Palazzo d'Orleans :ilSicilia.it

manifestazione con 150 persone nel capolugo etneo

Il sicilianista Busalacchi avvia la campagna per le regionali

di
22 Marzo 2017
Musumeci? Crocetta? Cancelleri? Lagalla? Cracolici? Intanto, chi è sceso in campo ufficialmente è Franco Busalacchi, candidato alla presidenza della Regione siciliana per I Nuovi Vespri.

Un candidato sicilianista doc, che ha già iniziato la propria campagna elettorale da Catania: “Sono particolarmente legato a Catania – dichiara all’Italpress – città dove ho lavorato per quasi dieci anni. I miei ricordi sono legati soprattutto al Teatro ‘Bellini’, che è un’eccellenza culturale della Sicilia”. Busalacchi e il teatro hanno un rapporto privilegiato, perché per circa dieci anni è stato amministratore unico del Teatro lirico ‘Bellini’. “Detto questo – aggiunge il candidato – non posso non segnalare il pressappochismo con il quale viene amministrata questa bellissima città. Il traffico automobilistico è caotico fino all’inverosimile. Questo perché il Comune autorizza lavori stradali senza avvertire i cittadini e, quel che è peggio, senza fornire alternative agli automobilisti. Il segno di un’Amministrazione comunale lontana dai bisogni dei cittadini”.

Il tour di Busalacchi è cominciato con un incontro con l’editore del quotidiano, La Sicilia, Mario Ciancio Sanfilippo, e sua figlia Angela. A Ciancio il candidato sicilianista la sua ultima ‘fatica’ letteraria: il romanzo “Famiglie vi odio”. Dopo l’incontro con Ciancio, Busalacchi ha partecipato a una manifestazione alla presenza di circa 150 persone.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.