Il sicilianista Busalacchi comincia la campagna elettorale per la scalata a Palazzo d'Orleans :ilSicilia.it

manifestazione con 150 persone nel capolugo etneo

Il sicilianista Busalacchi avvia la campagna per le regionali

di
22 Marzo 2017
Musumeci? Crocetta? Cancelleri? Lagalla? Cracolici? Intanto, chi è sceso in campo ufficialmente è Franco Busalacchi, candidato alla presidenza della Regione siciliana per I Nuovi Vespri.

Un candidato sicilianista doc, che ha già iniziato la propria campagna elettorale da Catania: “Sono particolarmente legato a Catania – dichiara all’Italpress – città dove ho lavorato per quasi dieci anni. I miei ricordi sono legati soprattutto al Teatro ‘Bellini’, che è un’eccellenza culturale della Sicilia”. Busalacchi e il teatro hanno un rapporto privilegiato, perché per circa dieci anni è stato amministratore unico del Teatro lirico ‘Bellini’. “Detto questo – aggiunge il candidato – non posso non segnalare il pressappochismo con il quale viene amministrata questa bellissima città. Il traffico automobilistico è caotico fino all’inverosimile. Questo perché il Comune autorizza lavori stradali senza avvertire i cittadini e, quel che è peggio, senza fornire alternative agli automobilisti. Il segno di un’Amministrazione comunale lontana dai bisogni dei cittadini”.

Il tour di Busalacchi è cominciato con un incontro con l’editore del quotidiano, La Sicilia, Mario Ciancio Sanfilippo, e sua figlia Angela. A Ciancio il candidato sicilianista la sua ultima ‘fatica’ letteraria: il romanzo “Famiglie vi odio”. Dopo l’incontro con Ciancio, Busalacchi ha partecipato a una manifestazione alla presenza di circa 150 persone.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin