Il sindaco di Mazara ammette: "Non ho pagato la tassa sui rifiuti per 5 anni". La denuncia della Lega :ilSicilia.it
Trapani

il caso era stato sollevato da Giorgio Randazzo

Il sindaco di Mazara ammette: “Non ho pagato la tassa sui rifiuti per 5 anni”. La denuncia della Lega

di
1 Ottobre 2019

Non ho pagato la tassa sui rifiuti  per cinque anni“,  alla fine lo ha ammesso il sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, che la scorsa settimana era finito al centro di un caso sollevato da Giorgio Randazzo, consigliere comunale della Lega a Mazara del Vallo e candidato sindaco per il Carroccio alle scorse amministrative, sconfitto proprio da Quinci, a capo di una coalizione di centrosinistra.

Randazzo, lo scorso 28 settembre, aveva pubblicato un video, affermando di avere svolto un’intensa attività di controllo e accesso agli atti, da cui era emerso il non pagamento della tassa sui rifiuti da parte del neo sindaco, ma anche da altri esponenti della sua giunta. Alla fine, il mancato pagamento di Quinci era vero, anche se secondo quanto affermato dal sindaco, ci sarebbe stato un errore, ovvero, nel 2018 avrebbe ricevuto una notifica con raccomandata della bolletta “Ed era sbagliata” afferma Quinci al quotidiano online Tp24 – per contestarla attendevo l’avviso di accertamento, che non è arrivato. C’è molta confusione nell’ufficio tributi. Lo dobbiamo sistemare e lo faremo“. Per smorzare la polemica il sindaco ha anche dichiarato di avere pagato tutto oggi stesso e che i mancati pagamenti sarebbero riferiti agli ultimi 5 anni “perché li volevo contestare“.

“Alla già nota questione della inutile creazione di piccoli privilegi come la storia dei pass lasciapassare per il transito e la sosta nella ZTL di tutta la Giunta – aveva detto Giorgio Randazzo la scorsa settimana –  si è aggiunto un quadro agghiacciante. Mentre il Sindaco Quinci rende noto che la popolazione mazarese, circa l’80%, non paga i tributi comunali come la TARI, il canone idrico e l’IMU e preannuncia le azioni di riscossione, si scopre che egli stesso e gli Assessori Billardello, Giacalone, Reina e Agate risulterebbero morosi proprio in riguardo alla TARI e al canone idrico ”, poi continua Randazzo, “a mio parere si è già spezzato il legame fiduciario che deve necessariamente esserci tra il popolo di una Città e l’Amministrazione pubblica che lo amministra e già questo basta per chiede le immediate dimissioni del Sindaco”.

LEGGI ANCHE:

Mazara del Vallo, Randazzo (Lega): “Spezzata fiducia tra la città e il sindaco Quinci”| VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin