Il sindaco di Mezzojuso: il nostro paese vittima quanto le sorelle Napoli :ilSicilia.it
Palermo

Giardina replica a Giletti

Il sindaco di Mezzojuso: il nostro paese vittima quanto le sorelle Napoli

di
24 Gennaio 2019

Siamo vittime quanto le sorelle Napoli“, inizia così la nota del sindaco di Mezzojuso, Salvo Giardina“Loro da parte di criminali, che secondo le denunce presentate ai carabinieri, vogliono sottrarle i terreni, e noi vittime della disinformazione della trasmissione ‘Non è l’arena’ e del suo conduttore Massimo Giletti”.

“Le sue accuse, e quelle del suo ex collaboratore Klaus Davi, i suoi ammiccamenti, le sue insinuazioni mai documentate – aggiunge Giardinahanno dato all’Italia l’immagine di una comunità e del suo sindaco omertosa, indifferente, collusa con i presunti aguzzini delle sorelle Napoli. Tutto falso, costruito su considerazioni assolutamente non provate e né mai documentate”.

“Mezzojuso ha un tessuto democratico e culturale forte, una storia che affonda le radici prima degli arabi in Sicilia. Dialogo, integrazione, contrasti ed emulazione tra latini e greci sono il motore della nostra storia di oltre cinque secoli”.

“Una comunità onesta e laboriosa (tranne forse qualcuno che opera al di fuori della legge, ma dove mancano questi personaggi) oggi praticamente distrutta dai servizi televisivi di Giletti. La gente – continua Giardina –  è esasperata, in paese la tensione e la rabbia si tagliano a fette, per essere stati rappresentati in un modo offensivo e denigratorio che non rispecchia la realtà. C’è il rischio che le situazioni, in un clima così incandescente, possano anche degenerare”.

“ ‘Non è l’arena’ fa vedere quello che vuole mistificando la realtà e nessuna fiducia possiamo più accordarle. Con Giletti ed i suoi io che l’amministrazione che rappresento non vogliamo più parlare. Tanto non servirebbe a niente, perché non rientriamo nel copione che si è dato il conduttore: massima solidarietà alle sorelle Napoli e massacrare il sindaco di Mezzojuso che non ha alcuna responsabilità nella vicenda ed è persona onesta, mai sfiorato da indagini amministrative e giudiziarie, sempre solidale con le sorelle Napoli da quando è venuto a conoscenza delle intimidazioni che subivano”.

“Tanto per dirne una, sabato scorso, dopo avermi accusato per 9 mesi di tutto e di più, ho tenuto una conferenza stampa, per rispondere punto per punto alle sue affermazioni e per illustrare tutte le cose che avevo fatto per le sorelle Napoli. Ha mandato un inviato che ha ripreso tutta la conferenza stampa, ma non ha messo in onda nemmeno una parola di quanto ho detto. Perché i telespettatori devono vedere e sentire solo “la sua verità”.

“Ci appelliamo a tutti i direttori dei mezzi di informazione italiani per mandare un loro inviato nel nostro paese a vedere come stanno esattamente le cose, siamo disponibili a sottoporci a qualunque domanda, a dare tutte le prove della disinformazione di Giletti e tutti chiarimenti di cui hanno bisogno”.

“Lo chiediamo per ristabilire la verità ed anche per evitare che la disinformazione di una testata possa distruggere un paese, una comunità che sia pure faticosamente vuole continuare a vivere, ad andare avanti”.

 

La replica di Klaus Davi:

“Il simpatico sindaco del comune di Mezzojuso – scrive Klaus David in una mail indirizzata a ilSicilia.itfa tre conferenze stampa a settimana per dire che Massimo Giletti ed io l’avremmo offeso in una puntata di ‘Non è l’Arena’, il tutto a spese dei contribuenti. Sta intentando una causa del tutto immotivata, visto che mi sono già scusato durante la diretta della stessa puntata per le frasi dette”.

“Questo è il paradosso della legislazione italiana, gli amministratori possono querelare i giornalisti per fatti totalmente inesistenti a spese della collettività. Però un pregio il dottor Salvatore Giardina l’ha avuto: sto tornando in Sicilia in modo più frequente per realizzare servizi e, presto, sarò anche a Mezzojuso”.

Queste le affermazioni del massmediologo Klaus Davi in merito alla querela ricevuta dal primo cittadino del comune siciliano, intentata in seguito alla puntata della trasmissione di Giletti sul caso delle sorelle Napoli.

 

Leggi anche:

Sorelle Napoli, il sindaco di Mezzojuso si scaglia contro Giletti

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin