Il sindaco di Taormina: "Ricorso al dissesto sarebbe stato un inutile accanimento" :ilSicilia.it
Messina

entro fine mese la dichiarazione di default

Il sindaco di Taormina: “Ricorso al dissesto sarebbe stato un inutile accanimento”

di
13 Luglio 2021

“Siamo di fronte ad un esito che era scritto e facilmente preventivabile. Anche la Corte dei Conti ha riconosciuto che abbiamo difeso i piano di riequilibrio sino all’ultimo, sino al 25 maggio. Andare oltre, con un ricorso, e accanirsi a negare il dissesto sarebbe un accanimento terapeutico inutile e dannoso, persino al limite del reato. Equivarrebbe a produrre un grave reato”. Con queste parole il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, ha confermato che non ci sarà nessun passo indietro sulla decisione di non presentare ricorso sulla bocciatura del piano di riequilibrio e ribadisce che entro fine mese si andrà in aula per la dichiarazione di dissesto finanziario del Comune di Taormina.

“Non è un fallimento come qualcuno sostiene ma un risanamento accompagnato da organi dello Stato – ha detto il sindaco -. Bisogna dare corso al pagamento dei debiti, perdere tempo significa soltanto sottrarsi agli obblighi che abbiamo. Non ho sottovalutato la situazione, so che i rischi sono incombenti. Ad ogni modo non ci sono le condizioni per fare ricorso. Interverrà una commissione ministeriale, vedremo quando sarà nominata e si occuperà dei debiti e dei crediti. Non è un fatto secondario che questo Comune ha una quantità enorme di residui attivi, oltre 30 milioni di euro riguardanti contribuenti che non hanno pagato nel corso degli anni. Sappiamo che è il momento peggiore per chiedere dei soldi ma se qualcuno deve pagare dovrà farlo”.

Confermata poi l’ormai imminente stretta per la chiusura della liquidazione di Asm: “La questione Asm, come anche per il Consorzio Rete Fognante, è l’aspetto che ci preoccupa maggiormente e che deve essere risolto prima delle dichiarazione di dissesto – ha poi evidenziato Bolognari -. Stiamo definendo tutti gli aspetti riguardante la transazione, con la nostra proposta che è già stata accettata dall’azienda. Asm si è attivata anche per calcolare la perdita di gestione per l’anno 2020, dovuta alla pandemia, e il Comune porterà un atto di ripiano delle perdite dell’azienda prima della dichiarazione di dissesto”.

“Siamo di fronte a una situazione che va affrontata assumendosi tutti, ciascuno per la propria parte, le proprie responsabilità – ha aggiunto il primo cittadino -. Io mi assumo tutte le responsabilità politiche e mi aspetto che gli altri facciano altrettanto. Quelle contabili e penali sono un’altra cosa e qui ci sarà una procura prima e un giudizio successivo della Corte dei Conti che dirà se ci sono delle responsabilità e, a mio modo di vedere, riguardando l’elenco dei debiti, ce ne sono tante e non solo dentro il Comune di Taormina. Ora ci attendono due settimane in cui si dovrà correre”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.