Il "Sistema Montante": favori, informazioni e posti di lavoro barattati da uomini delle istituzioni :ilSicilia.it
Caltanissetta

E' quanto emerge dall'operazione "Double face"

Il “Sistema Montante”: favori, informazioni e posti di lavoro barattati da uomini delle istituzioni

di
14 Maggio 2018

Uomini delle istituzioni avrebbero barattato informazioni e favori personali in cambio di posti di lavoro. E’ quanto emerge dall’operazione “Double face” della polizia di Stato di Caltanissetta, che ha portato all’arresto dell’imprenditore Antonello Montante, finito ai domiciliari.

Chi faceva parte del cosiddetto ‘Sistema Montante’, secondo gli investigatori, sarebbe stato pronto a fornire, grazie anche all’accesso alla banca dati della Polizia penitenziaria, notizie su indagini in corso, informando l’imprenditore nel dettaglio circa le dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia sul suo conto.

In questo modo Montante avrebbe potuto effettuare un vero e proprio monitoraggio preventivo dei collaboratori di giustizia che avevano riferito circostanze a lui pregiudizievoli, il tutto addirittura prima che le relative dichiarazioni fossero oggetto di verifiche della Procura. Senza contare che alcuni controlli delle Fiamme gialle, in alcune occasioni, sempre secondo gli investigatori, sarebbero stati indirizzati dall’indagato che in questo modo si sarebbe servito della Guardia di finanza per colpire imprenditori “nemici” o che in qualche modo fossero funzionali ai propri interessi.

Gli inquirenti parlano di “sistematico ricorso all’operato di infedeli appartenenti alla Polizia di Stato per carpire abusivamente, attraverso accessi alle banche dati in uso alle forze di polizia, notizie sensibili riguardanti la vita privata di una serie impressionante di soggetti a lui invisi“. Gli inquirenti non hanno accertato scambi di denaro o regali, ma favori personali. In particolare posti di lavoro per familiari ed amici dei sodali di Montante. Come nel caso del colonnello Giuseppe D’Agata, la cui moglie sarebbe stata assunta in una società di Siracusa. Personaggi segnalati da altri indagati avrebbero potuto ottenere posti di lavoro all’interno delle aziende riconducibili a Massimo Romano, l’imprenditore nisseno finito ai domiciliari.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin