Il "Sistema Montante": favori, informazioni e posti di lavoro barattati da uomini delle istituzioni :ilSicilia.it
Caltanissetta

E' quanto emerge dall'operazione "Double face"

Il “Sistema Montante”: favori, informazioni e posti di lavoro barattati da uomini delle istituzioni

di
14 Maggio 2018

Uomini delle istituzioni avrebbero barattato informazioni e favori personali in cambio di posti di lavoro. E’ quanto emerge dall’operazione “Double face” della polizia di Stato di Caltanissetta, che ha portato all’arresto dell’imprenditore Antonello Montante, finito ai domiciliari.

Chi faceva parte del cosiddetto ‘Sistema Montante’, secondo gli investigatori, sarebbe stato pronto a fornire, grazie anche all’accesso alla banca dati della Polizia penitenziaria, notizie su indagini in corso, informando l’imprenditore nel dettaglio circa le dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia sul suo conto.

In questo modo Montante avrebbe potuto effettuare un vero e proprio monitoraggio preventivo dei collaboratori di giustizia che avevano riferito circostanze a lui pregiudizievoli, il tutto addirittura prima che le relative dichiarazioni fossero oggetto di verifiche della Procura. Senza contare che alcuni controlli delle Fiamme gialle, in alcune occasioni, sempre secondo gli investigatori, sarebbero stati indirizzati dall’indagato che in questo modo si sarebbe servito della Guardia di finanza per colpire imprenditori “nemici” o che in qualche modo fossero funzionali ai propri interessi.

Gli inquirenti parlano di “sistematico ricorso all’operato di infedeli appartenenti alla Polizia di Stato per carpire abusivamente, attraverso accessi alle banche dati in uso alle forze di polizia, notizie sensibili riguardanti la vita privata di una serie impressionante di soggetti a lui invisi“. Gli inquirenti non hanno accertato scambi di denaro o regali, ma favori personali. In particolare posti di lavoro per familiari ed amici dei sodali di Montante. Come nel caso del colonnello Giuseppe D’Agata, la cui moglie sarebbe stata assunta in una società di Siracusa. Personaggi segnalati da altri indagati avrebbero potuto ottenere posti di lavoro all’interno delle aziende riconducibili a Massimo Romano, l’imprenditore nisseno finito ai domiciliari.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro