"Il Sito della Battaglia delle Egadi": in un volume l'ultimo progetto di Sebastiano Tusa | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

pubblicato grazie alla moglie e ai collaboratori

“Il Sito della Battaglia delle Egadi”: in un volume l’ultimo progetto di Sebastiano Tusa | Video intervista

2 Agosto 2019

Guarda la video intervista in alto

La tutela si fa conoscendo le cose, non blindandole“. Ripeteva spesso questa frase Sebastiano Tusa, assessore ai Beni Culturali scomparso tragicamente lo scorso marzo in un incidente aereo. E, come accade per le persone che lavorano con dedizione e passione, Tusa ha lasciato un’eredità di progetti messi in campo che continuano a crescere e dare contributi importanti anche dopo la sua scomparsa.

Patrizia Li Vigni
Patrizia Li Vigni

Grazie all’impegno e alla solerzia della moglie, la dottoressa Patrizia Li Vigni, e dei suoi collaboratori più stretti, è stato possibile pubblicare il libro “Il Sito della Battaglia delle Egadi alla fine della Prima Guerra Punica“, scritto a quattro mani con Jeffrey G. Royal, che Tusa aveva lasciato in un hard disk alla moglie prima dell’ultimo viaggio.

Era un gesto che faceva sempre prima di partire – ci dice la Li Vigni – Affidava a me tutto il lavoro che metteva da parte nel caso gli succedesse qualcosa. L’ultima volta è stato così e ho sentito forte la spinta di portare a termine questo progetto, a cui teneva tantissimo“.

Sebastiano Tusa
Sebastiano Tusa

La presentazione del volume, che contiene tutte le intuizioni di Tusa poi confermate dalle investigazioni subacquee sul sito dove si svolse la Battaglia delle Egadi del 10 marzo del 241 a.C., svoltasi all’Ars, moderata dal giornalista Ludovico Gippetto, ha visto come relatori: Adriana Fresina, della Sovrintendenza del Mare; William Murray (Egadi Project); Mario Arena e Francesco Spaggiari della Global Underwater Explorers. E interventi anche di Justin Leedwangler, della Stanford University, su Il relitto di Marzamemi; Alessia MistrettaLorenz E. Baumer dell’Université de Genève, sul relitto di Gela; e Massimo Capulli dell’Università di Udine, sul relitto delle colonne di Kamarina.

Il volume, stampato in inglese in 150 copie, progetto dal respiro internazionale, è stato presentato anche in un giorno speciale: il 2 agosto infatti ricorre il compleanno del compianto Tusa. “Volevamo fargli questo dono proprio nel giorno del suo compelanno, ma in realtà è un dono che lui ha fatto a noi“.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.