23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.55

Il parere di voi lettori

Il sondaggio: case abusive, demolizione o tolleranza? | VOTA QUI

9 Novembre 2018

A pochi giorni dalla tragedia nella quale sono morte di nove persone, rimaste intrappolate in una villetta abusiva a Casteldaccia, colpita dalla piena del torrente Milicia, ci si domanda cosa fare con l’abusivismo.

Ilsicilia.it chiede a voi lettrici e lettori di darci un parere su questo tema. Il nostro sondaggio propone il quesito “Case abusive, demolizione o tolleranza”?

Che si tratti di un fenomeno che in Sicilia è molto diffuso è sotto gli occhi di tutti. Il governo regionale da qualche giorno ha varato un disegno di legge relativo a “Provvedimenti urgenti dei sindaci in materia di abusivismo edilizio”, in base al quale i primi cittadini che non abbattono le case non in regola potrebbero essere rimossi. Di recente l’assessore Toto Cordaro ha parlato di «abusivismo di indispensabilità» e durante la campagna elettorale per le regionali del 2017, l’allora candidato alla presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle Giancarlo Cancelleri aveva parlato – non senza suscitare polemiche e distinguo – di «abusivismo di necessità». C’è poi la questione – ancora aperta – su chi debba demolire.

Quattro le scelte che potete fare in merito al destino delle case abusive: A) occorre demolirle tutte; B) Non demolirne nessuna, la casa è un diritto; C) Valutare caso per caso, rispettando il cosiddetto “abusivismo di necessità”; D) demolire solo quelle in zone vincolate o a rischio.

Si può votare fino a domenica 11 novembre alle 23,59.

RISULTATI

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.