16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.59

L'ESITO DELLA MISURAZIONE

Il sondaggio de ilSicilia.it: “Vuoi nuove elezioni?”. Vincono i SÌ, ma… | RISULTATI

12 Agosto 2019

Dopo la rottura del patto Lega-5Stelle e la conseguente crisi di governo abbiamo proposto il nostro sondaggio: “Vuoi nuove Elezioni Politiche? SÌ o NO”. Si è votato da giovedì 8 agosto alle 18, fino a domenica 11 agosto, alle 23,59.

Quattro le alternative proposte:

  • SÌ, non ci sono più le condizioni per continuare con questo governo: elezioni anticipate
  • NO, il governo Conte deve andare avanti così com’è per onorare il ‘contratto’
  • Mattarella dia vita a un nuovo governo con tutti partiti che vogliono starci
  • Meglio un rimpasto cambiando alcuni ministri

ANALISI

È evidente che, come dicono le previsioni di tutti gli altri sondaggi nazionali che danno la Lega favorita, c’è uno zoccolo duro del Paese che vuole tornare al voto con elezioni anticipate. Anche nel nostro sondaggio dunque vince il .

Una vittoria netta (53,05%) rispetto alle altre tre alternative proposte. Tuttavia, le altre tre sostanzialmente indicavano un NO al nuovo voto, anche se con modalità diverse: sommando le tre opzioni (continuare col governo Conte, governo tecnico, rimpasto) si arriva a un 46,95%.

Una forbice di soli 6 punti percentuali quindi divide i sì dai no.

Il Paese quindi sembra diviso ancora a metà. Da un lato la paura di instabilità politico-economica, dall’altro la volontà di esprimere comunque il proprio voto alle urne. In ogni caso il partito di Salvini resta al comando di tutti i sondaggi.

Toccherà probabilmente al Presidente della Repubblica, il palermitano Sergio Mattarella, sciogliere il nodo della crisi di governo.

RISULTATI

 

Ancora una volta ringraziamo i nostri lettori per aver espresso il loro voto, collegandovi sul nostro sondaggio. Ricordiamo che non si è trattato di un sondaggio scientifico, non essendo noi un istituto di rilevazioni demoscopiche, ma di un modo per registrare comunque un orientamento. Il campione di chi ha votato non è “selezionato”, ma tutti indistintamente avete potuto votare, collegandovi su ilSicilia.it ed esprimendo la vostra preferenza. Il sondaggio è stato, dunque, l’occasione per far partecipare voi lettrici e lettori a questo dibattito e permetterci di conoscere come la pensate su questa vicenda di rilievo nazionale. Inoltre, nessuno ha potuto votare due volte, perché il sistema in automatico ha registrato i doppi voti, annullandoli.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.