Il sondaggio di Mannheimer: ecco vincitori e vinti in caso di elezioni anticipate | ilSicilia.it :ilSicilia.it

le percentuali dei partiti

Il sondaggio di Mannheimer: ecco vincitori e vinti in caso di elezioni anticipate

di
11 Agosto 2019

Sondaggisti in campo all’indomani dell’apertura formale della crisi da parte della Lega che si è sganciata dal governo Conte. Un sondaggio che circola in queste ore è quello realizzato da Renato Mannheimer per Affaritaliani.it, secondo cui l’assetto politico se si votasse in autunno ne risulterebbe molto cambiato.

Secondo il sondaggista, la Lega di Matteo Salvini otterrebbe una forbice fra il 37-40% dei voti. A seguire ci sarebbe il Pd, che si attesterebbe fra il 24 e il 25%, mentre il MoVimento 5 Stelle perderebbe ulteriormente consenso, passando dall’attuale 17% a una percentuale di gran lunga inferiore, fra il 13 e il 15%.

Bene Giorgia Meloni con Fratelli d’Italia, che otterrebbe il 7-8% mentre Forza Italia e la federazione dei partiti di centro che potrebbe raggrupparsi sotto l’egida de “L’altra Italia” non andrebbe oltre una forbice fra il 6 e l’8 per cento.

Con simili risultati, prende corpo anche lo scenario di un parlamento a forte trazione sovranista, che potrebbe venir fuori dalle urne in caso di elezioni anticipate. 

A commentare l’esito del proprio sondaggio è lo stesso Renato Mannheimer: “è ragionevole pensare a una vittoria di Salvini, a meno che non faccia clamorosi errori in campagna elettorale. Ed è altresì ipotizzabile una netta decrescita del M5S che ha ormai perso l’appeal di un tempo. L’unico che potrebbe incidere su Salvini è l’eventuale soggetto politico che potrebbe mettere in campo Silvio Berlusconi che, ancora una volta, potrebbe fare il miracolo mettendo insieme vari gruppo e movimenti di centro. Tutto ciò potrebbe erodere un po’ di consenso di Salvini tra gli elettori insoddisfatti e che lo reputano troppo estremista”.

LEGGI ANCHE:

Elezioni anticipate: ecco i tre possibili scenari | FOTO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.