Il sondaggio: I nostri lettori promuovono il governo Musumeci, ma non mancano i critici | Risultati :ilSicilia.it

Ecco come avete risposto al nostro quesito

Il sondaggio: I nostri lettori promuovono il governo Musumeci, ma non mancano i critici | Risultati

10 Dicembre 2018

Il governo Musumeci piace ai lettori de ilSicilia.it, ma non mancano le voci critiche sull’operato del governatore siciliano.

Questo, in estrema sintesi, l’esito del sondaggio che abbiamo proposto in questi giorni in cui la giunta di governo della Sicilia compie un anno di vita e che abbiamo intitolato “un anno di governo Musumeci. Promosso o bocciato?”

Per il 40,56 per cento dei nostri lettori (pari a 7.180 voti) il lavoro svolto dal presidente della Regione Nello Musumeci in questo anno è stato “molto buono”; se a questo si somma anche il 15,25 per cento dei lettori (2.100 persone), che hanno dato come voto “buono”, vuol dire che il gradimento del governo regionale si attesta oggi attorno 55,80 per cento. Numeri non strabilianti, ma che danno, comunque, la misura del fatto che per la maggioranza di chi ci legge il governo di centrodestra sta facendo bene. A questi voti si aggiunge un 9,21 per cento dei lettori (pari a 1.630 voti) che ritiene sufficiente l’azione del governo.

A giudicare scarso l’operato di Musumeci è stato il 34,97 per cento dei votanti (cioè 6.190 lettori): questo significa che comunque i voti negativi ci sono e non sono pochi, anche se sono lontani di oltre venti punti percentuali dalla somma di chi ha gradito la politica del governo regionale.

Non abbiamo la pretesa di dare scientificità a questo sondaggio, ricordando che non siamo un istituto di rilevazioni, anche se i quasi 18 mila lettori che hanno votato rappresentano comunque una porzione non indifferente di Siciliani e danno la misura della vostra opinione, per cui per noi è estremamente preziosa.

Il dato che se ne trae è che, comunque, i Siciliani a distanza di un anno promuovono il governo Musumeci, che ottiene un gradimento abbastanza solido, ma che però non sfonda. Evidentemente per i tanti lettori che hanno espresso un voto “scarso” e per quelli che hanno votato “sufficiente” si può e si deve fare di più. Tutto sommato, l’azione di questo presidente della Regione viene guardata con attenzione da parte dei lettori, che la premiano, non senza puntellarla laddove ve ne sia bisogno. Come messaggio politico si può tradurre in un consiglio per il presidente della Regione, di intervenire con maggior forza in quei settori in cui vi sono le maggiori criticità e nei quali la Sicilia non brilla: dal lavoro al turismo, dalla complessa materia dei rifiuti fino ai collegamenti interni, sui cui occorre intervenire radicalmente.

RISULTATI

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.