Il sondaggio: immagini sacre nella scuola pubblica. Sì o No? [VOTA QUI] | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il sondaggio: immagini sacre nella scuola pubblica. Sì o No? [VOTA QUI]

28 Novembre 2017

Quinto appuntamento con “I sondaggi de ilSicilia.it”, la nostra rubrica che con cadenza periodica chiede a voi lettori un parere su varie questioni di attualità.

Traendo spunto dalla polemica dei giorni scorsi dovuta alla decisione di un preside di una scuola elementare palermitana di vietare immagini sacre e preghiere prima delle lezioni, vi chiediamo un’opinione.

Il sondaggio è “Immagini sacre nella scuola pubblica. Sì o No?”. Si può votare dal 28 novembre alle 12 fino alle 23,59 del 30 novembre.

A voi lettori la scelta.

RISULTATI

I favorevoli affermano che l’uso di immagini sacre non disturba nessuno e che comunque la religione maggioritaria nel nostro Paese è quella cattolica, per cui – pur rispettando anche gli altri culti o chi non ne manifesta alcuno – le immaginette sacre richiamano comunque il nostro patrimonio storico e culturale. I contrari, invece, sostengono che nessuna immagine sacra possa essere messa a scuola pubblica, in quanto vige il principio della laicità della pubblica istruzione.

I risultati dei nostri sondaggi non forniscono dati oggettivi perché non siamo un’agenzia per rilevazioni demoscopiche e anche il campione non è rappresentativo poiché i votanti non sono stati sorteggiati ma autoselezionati, ma quel che è importante è che l’esito rappresenta l’opinione di voi lettori e dunque, per noi è prezioso. Non si può votare più di una volta dallo stesso pc o telefono. Il sistema, infatti, in automatico non carica i doppi voti, ma li annulla.

LEGGI ANCHE

Il sondaggio: i lettori de ilSicilia.it hanno detto SÌ alle immagini sacre a scuola [RISULTATI]

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.