23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.55

la parola a voi lettori

Il sondaggio. Legittima difesa: sei favorevole o contrario alle armi in casa?

24 Settembre 2018

Il sondaggio che vi propone ilSicilia.it (legittima difesa: sei favorevole o contrario alle armi in casa) fa riferimento al fatto che da tempo ormai la casa viene violata da criminali senza scrupoli, che mettono a repentaglio la sicurezza delle famiglie.

Il dibattito politico degli ultimi mesi e delle ultime settimane sta affrontando la questione, anche con la proposta – che sta facendo discutere – di modificare la legge sulla legittima difesa, estendendo i suoi ambiti.

I favorevoli alle armi in casa e all’estensione della legittima difesa ritengono che questo possa essere un modo per contrastare gli episodi di rapine e altri atti di violenza che avvengono oramai ogni giorno.

I contrari puntano sul fatto che serve maggiore prevenzione contro la criminalità, ma che sia un errore allargare le maglie, per evitare che l’Italia possa diventare come gli Stati Uniti, dove la larga diffusione di armi non è servita quale deterrente, ma al contrario, come incentivo alla violenza.

Si può votare da lunedì 24 settembre alle ore 12, fino a giovedì 27 settembre alle 23,59

Tu che ne pensi?

VOTA QUI

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.