26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42

Che scelta dovrebbe fare Mattarella?

Il sondaggio. Sei d’accordo o no a nuove elezioni politiche? [VOTA QUI]

4 Maggio 2018

L’Italia sta vivendo in questi mesi una fase particolarmente delicata. Dopo 60 giorni dalle elezioni politiche, non si è ancora riusciti a formare un nuovo governo che dia stabilità e risposte al Paese. Registrata l’impossibilità per il leader 5 Stelle Luigi Di Maio di formare un nuovo governo (prima ha rifiutato un contratto con il centrodestra unito e poi ha incassato il no da parte del Pd), il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha davanti a sé poche alternative.

Le ipotesi sono rimaste: A) tornare immediatamente alle urne come chiede Di Maio, chiedendo agli Italiani di andare a votare a giugno; B) dar vita a un governo “di scopo” che faccia in fretta una nuova legge elettorale in grado di dare il premio di maggioranza a chi ottiene un voto in più e poi tornare al voto a ottobre 2018 o al massimo a marzo 2019; C) affidare il governo a Matteo Salvini, quale leader del centrodestra, incaricandolo di trovare una maggioranza parlamentare; D) un governo del Presidente: ovvero dare l’incarico a una personalità che metta d’accordo tutti i partiti e che possa cambiare le regole elettorali, ma anche affrontare le sfide che chiede l’Ue al nostro Paese.

Nell’attesa di conoscere cosa farà il Presidente Mattarella, chiediamo a voi, lettrici e lettori de ilSicilia.it la strada che preferite. Si può votare dalle 11,30 di venerdì 4 maggio fino alle 23,59 di lunedì 7 maggio.

Ecco il nostro sondaggio: 

RISULTATI

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.