Il sondaggio. Sì o No alla castrazione chimica per gli stupratori? | VOTA QUI | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la parola a voi lettori

Il sondaggio. Sì o No alla castrazione chimica per gli stupratori? | VOTA QUI

2 Aprile 2019

ilSicilia.it, sulla scia delle prese di posizione e delle polemiche di questi giorni, lancia questo nuovo sondaggio, con il quale chiede a voi lettrici e lettori che cosa ne pensate della castrazione chimica nei confronti di chi è condannato per violenza sessuale. Il quesito che vi sottoponiamo è “Si o no alla castrazione chimica per gli stupratori?”

La proposta tiene banco in questi giorni in parlamento. La Lega – per bocca del ministro Giulia Bongiorno – ha preannunciato un nuovo disegno di legge che andrà in questa direzione, dopo avere ritirato l’emendamento alla legge contro la violenza sulle donne che avrebbe introdotto questa novità. Il motivo è che l’emendamento che introduce la cosiddetta “castrazione chimica” non è condiviso dal Movimento 5 stelle, per cui i leghisti hanno preferito per adesso non suscitare ulteriori spaccature nel governo giallo-verde.

La castrazione chimica – spiegano i suoi fautori – è un trattamento farmacologico, volontario, reversibile, come già previsto in altri Paesi. I contrari, invece, sostengono che la funzione della pena non dev’essere punitiva ma sempre e comunque rieducativa.

Si può votare dalle 17 di martedì 3 aprile alle 23,59 di venerdì 5 aprile

RISULTATI

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.