Il sondaggio. Sì o No alla castrazione chimica per gli stupratori? | VOTA QUI | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la parola a voi lettori

Il sondaggio. Sì o No alla castrazione chimica per gli stupratori? | VOTA QUI

di
2 Aprile 2019

ilSicilia.it, sulla scia delle prese di posizione e delle polemiche di questi giorni, lancia questo nuovo sondaggio, con il quale chiede a voi lettrici e lettori che cosa ne pensate della castrazione chimica nei confronti di chi è condannato per violenza sessuale. Il quesito che vi sottoponiamo è “Si o no alla castrazione chimica per gli stupratori?”

La proposta tiene banco in questi giorni in parlamento. La Lega – per bocca del ministro Giulia Bongiorno – ha preannunciato un nuovo disegno di legge che andrà in questa direzione, dopo avere ritirato l’emendamento alla legge contro la violenza sulle donne che avrebbe introdotto questa novità. Il motivo è che l’emendamento che introduce la cosiddetta “castrazione chimica” non è condiviso dal Movimento 5 stelle, per cui i leghisti hanno preferito per adesso non suscitare ulteriori spaccature nel governo giallo-verde.

La castrazione chimica – spiegano i suoi fautori – è un trattamento farmacologico, volontario, reversibile, come già previsto in altri Paesi. I contrari, invece, sostengono che la funzione della pena non dev’essere punitiva ma sempre e comunque rieducativa.

Si può votare dalle 17 di martedì 3 aprile alle 23,59 di venerdì 5 aprile

RISULTATI

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.