13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette

Lo ha realizzato l'istituto per il quotidiano Il Messaggero

Il sondaggio Swg: Italiani favorevoli alle grandi opere. Bocciato solo il Ponte sullo Stretto

9 agosto 2018

Un sondaggio interviene nel dibattito politico in atto in questi giorni nel governo Lega – Movimento 5 stelle in merito alle grandi opere. Lo ha realizzato l’istituto Swg per il quotidiano Il Messaggero. Il quesito è “siete favorevoli o contrari alle grandi opere”? A sorpresa gli interpellati si sono detti praticamente favorevoli alla loro realizzazione e non vengono bocciate nemmeno quelle più controverse, cioè la Tav in Val di Susa e il gasdotto Tap.

Per i 49 per cento degli italiani la Tav sarebbe indispensabile, contro un 30 per cento che ritiene che quest’opera vada bloccata. Il 21 per cento non sa se essere d’accordo o meno.

Percentuali di poco al di sotto per il gasdotto Tap: per il 44 per cento l’opera è indispensabile, mentre i contrari si fermano al 28 per cento. Tanti quanti sono gli interpellati (28 per cento) che ancora non si sono fatti un’opinione su questo gasdotto.

Percentuali alte anche per il Mose, l’impianto di controllo delle maree nella laguna di Venezia: per il 49 per cento degli intervistati sarebbe un’opera indispensabile, mentre chi vorrebbe fermarla è soltanto il 27 per cento.

Per l’Ilva di Taranto, il 41 per cento è per mantenerla, mentre il 31 vorrebbe chiuderla.

L’unica inversione di tendenza si registra in merito al Ponte sullo Stretto di Messina: infatti, qui i contrari sono in netta maggioranza rispetto a quanti si dicono favorevoli. Per il 53 per cento si tratta di un’opera da fermare una volta per tutte, mentre solamente il 30 per cento la reputa indispensabile. Il restante 17 per cento non ha un’opinione in merito.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.