26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42

L'esito, comunicato dal direttore del Tg La 7 Mentana

Il sondaggio Swg: la Lega si conferma primo partito. Ecco come sarebbe se si votasse oggi

26 Giugno 2018

Cresce ancora la Lega e si conferma come prima forza politica italiana, rispetto al Movimento 5 stelle che da marzo perderebbe tre punti percentuali. Questo, l’esito del sondaggio Swg per La 7 del 25 giugno, diffuso dal direttore del Tg La7 Enrico Mentana.

La Lega, alle scorse elezioni di marzo aveva ottenuto il 17,5 mentre adesso sarebbe nientemeno che al 29,7 per cento, dunque con oltre dodici punti percentuali in più. Gli elettori mostrano, dunque, di apprezzare le dichiarazioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini ora sulle Ong, ora sui Rom, ora su Saviano.

Soffrono i pentastellati, che non riescono a scollarsi dal 29,4 per cento. A pesare sull’esito della rilevazione c’è una certa difficoltà di Luigi Di Maio nel comunicare le posizioni dei 5Stelle di governo.

Nel centrodestra a trazione leghista calano Forza Italia e Fratelli d’Italia. Il partito di Berlusconi, se si votasse oggi, non supererebbe l’8,4 per cento contro il 14 per cento delle Politiche; la formazione guidata da Giorgia Meloni, invece, rispetto al 4,4 delle elezioni di marzo, otterrebbe uno stentato 3,8 per cento che con l’attuale legge elettorale garantirebbe comunque una pattuglia di parlamentari.

Se le forze del centrodestra si presentassero in coalizione, comunque, supererebbero la soglia del 40 per cento che consentirebbe loro di governare da soli.

Nel centrosinistra, il Pd avrebbe il 18,8, di fatto un risultato invariato rispetto a marzo, quando aveva preso il 18,7 per cento. Si ferma all’1,7 “Più Europa con Emma Bonino“, mentre Liberi e Uguali non andrebbe oltre il 2,4 per cento. Infine, “Potere al Popolo” si attesterebbe sull’1,9 per cento.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.