20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

e tu che ne pensi?

Il sondaggio: vuoi mandare a casa Leoluca Orlando? Sì o no? | VOTA QUI

9 ottobre 2018

IlSicilia.it vi propone questo sondaggio (Vuoi mandare a casa Leoluca Orlando? Sì o no?), anche alla luce delle ultime polemiche che stanno infiammando il capoluogo siciliano.

Il sindaco della città e sindaco metropolitano di Palermo è sempre più assediato: nei giorni scorsi l’opposizione a Orlando ha organizzato iniziative clamorose. Fabrizio Ferrandelli e Cesare Mattaliano hanno annunciato le dimissioni da consiglieri, rivolgendo un appello: “Dimettiamoci tutti e facciamo cadere Orlando”. A raccoglierlo per primi sono stati i leghisti Igor Gelarda ed Elio Ficarra, che hanno formalizzato le dimissioni davanti a un notaio. L’appello ha fatto breccia anche in Sabrina Figuccia, che chiede compattezza dell’opposizione, e nei cinque consiglieri del M5s, che hanno avviato una raccolta di firme che va nella medesima direzione.

Lo scopo dichiarato è ottenere il numero di consiglieri dimissionari necessario a far cadere il consiglio e con esso il primo cittadino.

A voi lettori chiediamo un’opinione, ricordando che non siamo un istituto di rilevazioni e che quindi i nostri sondaggi non hanno scientificità. Servono, comunque, a capire cosa pensano le lettrici e i lettori de ilSicilia.it e per questo, i risultati per noi sono preziosi, perché rappresentano la vostra opinione.

Si può votare da martedì 9 ottobre alle ore 12 fino a venerdì 12 ottobre alle 23,59

RISULTATI

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.