Il sottosegretario Vicari: "Sì alle larghe intese. Io governatore? Se me lo chiedessero lo farei per i cittadini" [Intervista Video] :ilSicilia.it
Palermo

grandi manovre nella politica siciliana

Il sottosegretario Vicari: “Sì alle larghe intese. Io governatore? Se me lo chiedessero lo farei per i cittadini” [Intervista Video]

di
13 Maggio 2017

Intervista di Loredana Passarello e Matteo Sciré –

“Si alle larghe intese, ben venga la proposta di Dario Franceschini e di quella parte del Pd che vuole integrare tutte le forze moderate. Senza la Lega, la sinistra estrema e il M5s, tutto quello che c’ è al centro non ha motivo di stare diviso se non in funzione di tattiche elettorali che alla gente interessano poco”.

Così il sottosegretario alle Infrastrutture Simona Vicari ed esponente di Alternativa popolare, in un’intervista video nella redazione de IlSicilia.it parla di alleanze per le prossime politiche e propone lo stesso modello per le regionali.

“La candidatura di Crocetta, un esperienza da non ripetere. Una mia candidatura alla presidenza della Regione? Se me lo chiedessero la offrirei con grande convinzione, ma non a servizio di qualcuno, solo dei cittadini”.

Tra gli argomenti toccati dall’esponente del governo, la legge elettorale: “il testo di Alternativa popolare propone lo sbarramento del 3% e i capilista bloccati – dice– con un no fermo alla proposta di Berlusconi che blocca le preferenze”. E ancora il Patto per la Sicilia e le risorse disponibili per i tratti viari interni dell’ isola e i viadotti che hanno ceduto ai crolli. “Ci sono disponibili risorse per diversi milioni che bisogna però sapere utilizzare e sottrarre alle mani della criminalità”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin