Il superburocrate va in pensione. All'Ars ok bipartisan per il nuovo Ragioniere generale :ilSicilia.it

Bologna aveva già ricoperto il ruolo a interim

Il superburocrate va in pensione. All’Ars ok bipartisan per il nuovo Ragioniere generale

di
22 Gennaio 2017

Sarà la sua ultima manovra, poi Salvatore Sammartano prenderà le sue cose, svuoterà i cassetti della Ragioneria generale per godersi la pensione. Gli subentrerà Giovanni Bologna, attuale dirigente del dipartimento finanze, che prenderà l’interim della Ragioneria, come ha appena stabilito la giunta Crocetta. Tra i più alti dirigenti, Sammartano lascerà la Regione a fine febbraio subito dopo il via libera da parte dell’Assemblea siciliana a bilancio e finanziaria. Il superburocrate è arrivato all’apice dei ruoli di comando all’inizio di dicembre del 2014 quando la giunta Crocetta gli affidò l’incarico di ragioniere generale. All’assessorato all’Economia era approdato da appena un mese Alessandro Baccei, “inviato” da Graziano Delrio in Sicilia per rimettere a posto i conti colabrodo della Regione siciliana.

Il sodalizio tra l’assessore toscano e il superburocrate ha funzionato, in molti riconoscono a Sammartano le capacità tecniche ma soprattutto quel profilo “politico” che è servito a tenere a freno l’insofferenza del governatore Rosario Crocetta nei confronti di Baccei e soprattutto ha permesso di portare avanti misure per rimettere in equilibrio il bilancio dopo anni di “saccheggi” e artifizi contabili. Arrivato dal dipartimento sanità, Sammartano è l’artefice della maxi operazione sui residui attivi e passivi, quella montagna di crediti inesigibili e impegni di spesa incagliati che per anni ha “drogato” il bilancio della Regione, spesso bacchettata proprio per questo dalla Corte dei Conti. Qualcosa come 20 miliardi di iscrizioni contabili servite ai governi di turno per giustificare spese e chiudere esercizi “fasulli”. Sammartano avrebbe dovuto andare in pensione già la scorsa primavera, ma l’assessore Baccei lo ha voluto al suo fianco per completare il suo mandato. Per il dirigente è stata l’ultima proroga in un posto strategico come quello della Ragioneria, tra poco più di mese si farà da parte.

Il suo posto sarà preso da Giovanni Bologna, altro veterano del Palazzo e anche lui dirigente ben visto in modo bipartisan dalla politica, soprattutto a sinistra, almeno di questi tempi. Bologna aveva già ricoperto il ruolo a interim dopo l’uscita di scena dell’ex ragioniere generale Mariano Pisciotta per poi passare il testimone proprio a Sammartano. Ora toccherà di nuovo al lui, che dirige il dipartimento Finanze, prendere in mano la ragioneria per traghettarla durante questa lunga stagione elettorale, almeno fino al prossimo autunno quando i siciliani torneranno alle urne per eleggere il nuovo presidente della Regione siciliana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.