Il "Tamerlano" di Luigi Lo Cascio in anteprima nazionale al Teatro Biondo :ilSicilia.it
Palermo

La prima volta dell'attore siciliano da regista teatrale

Il “Tamerlano” di Luigi Lo Cascio in anteprima nazionale al Teatro Biondo

di
7 Febbraio 2018

Dopo le prime impronte date dall’arte, a segnare un passo importante nell’ambito teatrale per Palermo Capitale Italiana della Cultura sarà il debutto in prima nazionale, venerdì 9 alle 21 al Teatro Biondo, dello spettacolo “Tamerlano“, di Luigi Lo Cascio.

Per la sua “prima volta” da regista, l’attore si cimenta nell’ardua riscrittura del “Tamerlano Il Grande” di Christopher Marlowe, il più controverso autore elisabettiano, radunando una compagnia quasi interamente made in Sicily.

Ad interpretare i panni del leggendario condottiero turco-mongolo, vissuto nel XIV secolo, sarà Vincenzo Pirrotta, sulla scena insieme a Tamara Balducci (Zabina / Agida / 2° Soldato senza tempo e senza nome), Gigi Borruso (Cosroe / Sultano / Dottore / Un uomo / Soldato senza tempo e senza nome), Lorena Cacciatore (Zenocrate / Sharuk /Soldato senza tempo e senza nome), Giovanni Calcagno (Bajazet / Calepino /1° Soldato senza tempo e senza nome), Paride Cicirello (Gianghir / Ortigio), Marcello Montalto (Teridama / Re di Trebisonda / Soldato senza tempo e senza nome), Salvatore Ragusa (Tecelle / Re d’Arabia / Re di Natolia / Soldato senza tempo e senza nome), Fabrizio Romano (Micete / Pascià / Almeda / Soldato senza tempo e senza nome).

Per il lavoro di riscrittura del testo – ci ha detto Lo Cascioè stato decisivo l’impatto che ho avuto come lettore, scoprendo l’estrema poeticità data da Marlowe, l’inventore del verso inglese. Del personaggio mi ha colpito, invece, la spietatezza granitica nella quale ho voluto introdurre una crepa nella carne della vita del guerriero ovvero un contrasto con il figlio, segnando un nuovo confine tra se stesso e l’altro“.

È da qui che inizia la riscrittura di Tamerlano, monumento di spietatezza che, sul punto di morire, adagiato sotto un albero in un luogo senza tempo, ricapitola la propria vita.

Nel conservare sullo sfondo l’incombenza della guerra, Lo Cascio rintraccia, anche, l’impronta più significativa della contemporaneità: “Il richiamo alla città di Palermo, ancora segnata dai bombardamenti, ma anche la consapevolezza che la guerra sia veramente a contatto di gomito costantemente, non solo per i fatti riportati dalla cronaca internazionale ma, soprattutto, per l’evidenza che accanto a noi si manifesta quotidianamente. Questo mi sembra il tratto più forte contemporaneo”.

La resa dello spettacolo, ci dice infine, non nascondendo l’emozione per la sua prima volta esclusivamente da regista, “è un ingranaggio apparentemente semplice ma complesso nella realizzazione reso possibile dalla sinergia degli attori unita all’arte e all’artigianato dei tecnici“.

Le scene e i costumi sono di Nicola Console e Alice Mangano, le musiche originali di Andrea Rocca, le luci di Cesare Accetta; assistente alla regia Alessandro Idonea.

Repliche pomeridiane e serali fino al 18 febbraio.

 

  • Foto di scena di Rosellina Garbo

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro