Il teatro greco di Agrigento: un mistero risolto :ilSicilia.it
Agrigento

nel 2016 il ritrovamento

Il teatro greco di Agrigento: un mistero risolto

di
15 Luglio 2020

Le origini della città di Agrigento sono legate alla civiltà greca e da diversi secoli ci si è chiesti se l’antico centro urbano fosse dotato di un teatro. Ma procediamo con ordine.

LA STORIA

Agrigento fu fondata da alcuni coloni sicelioti (greci di Sicilia) provenienti da Gela, dando vita, nei primi decenni del VI secolo a. C., al primo nucleo cittadino, chiamato Akragas. Agrigento, in poco tempo, divenne una città ricca e fiorente, una delle colonie greche siciliane più importanti e potenti. Ne è testimonianza odierna l’ampia area archeologica della Valle dei Templi che con i numerosi templi, edifici e necropoli ci fornisce un’idea della potenza raggiunta dall’antica Agrigento, la quale, quasi sicuramente, giunse a contare oltre 100 mila abitanti e, probabilmente, arrivò ad averne circa 200 mila, una cifra davvero enorme per l’epoca.

Anche le testimonianze degli autori antichi sono concordi circa l’importanza della città. Pindaro definì Akragasla città più bella tra i mortali” e il filosofo Empedocle scrisse “L’opulenza e lo splendore della città sono tali, gli akragantini costruiscono case e templi come se non dovessero morire mai e mangiano come se dovessero morire l’indomani”. Una descrizione esemplare, quest’ultima, dell’estensione e del benessere raggiunto dalla città siceliota.

Ma, per diversi secoli, del teatro della città si perse memoria, nessuno sapeva se fosse mai effettivamente esistito. Ed era lecito pensare che ad Akragas vi fosse stato un teatro. Sembrava davvero difficile, infatti, pensare che in un centro urbano così importante, non vi fosse stato un complesso teatrale. Un vero e proprio mistero anche perché gli scavi archeologici non avevano portato alla luce nulla di concreto.

LA RICERCA

E nulla dicevano neppure le fonti scritte. In verità, nella seconda metà del I secolo d. C., lo scrittore Sesto Giulio Frontino riteneva che nel 415 a. C., durante la spedizione ateniese in Sicilia, Alcibiade avesse effettuato i suoi discorsi contro i siracusani proprio nel teatro di Agrigento. Ma è certo che la base operativa degli ateniesi nella spedizione in Sicilia fosse stata Catania. Quindi, molto probabilmente, Frontino o i copisti a lui successivi, tramandarono un’informazione erronea.

In ogni caso, si continuava a pensare che il teatro greco di Akragas fosse esistito in quanto ogni città ellenica, anche di dimensioni contenute, ne aveva uno. Il teatro, infatti, non soltanto aveva una funzione culturale e sociale di enorme importanza ma, oltre ad averne anche una urbanistica e artistica, ne aveva un’altra: in teatro la popolazione si riuniva pure per essere informata su provvedimenti e messaggi ufficiali. Quindi il teatro aveva anche una funzione civile.

Solitamente i teatri greci venivano costruiti secondo regole ubicative e tecniche ben precise, sfruttando pendenze, tendenzialmente dolci, di valli e colline con un orientamento nord-sud. Inoltre, nello specifico, Akragas era dotata, come dimostra la Valle dei Templi, di un asse sacro di dimensioni davvero notevoli, difficile quindi non pensare ad un asse civile altrettanto grande, dotato anche di un teatro.

Però, era ed è un dato inconfutabile che gli autori antichi, giunti fino a noi, pur descrivendo l’antica Agrigento con toni entusiastici, sottolineandone splendore e ricchezza, non si soffermino sul teatro. Ciò, naturalmente, alimentò dubbi circa la sua esistenza. Nel corso del tempo furono elaborate diverse ipotesi: ora, supponendo che la struttura teatrale fosse stata distrutta dai cartaginesi nel 406 a. C., quando conquistarono la città greca, ora, credendo che l’architettura del teatro fosse stata realizzata con materiali piuttosto deperibili, come il legno, ora, ritenendo che le testimonianze antiche sul teatro fossero andate perdute.

La prima testimonianza scritta, dopo quella di Frontino, sul teatro antico di Agrigento, oltretutto piuttosto concisa, risale al XVI secolo ad opera dello storiografo Tommaso Fazello, nel suo “De rebus Siculis Decades Duae”, il quale dichiarava “Ne riconosco a malapena le fondamenta”.

GLI SCAVI ARCHEOLOGICI

Nel 1925 l’archeologo Pirro Marconi, deciso a svelare il mistero del teatro dell’antica Akragas, iniziò un’approfondita campagna di scavi con lo scopo e la speranza di portare alla luce qualche traccia della struttura teatrale. Ma Marconi, pur rinvenendo rovine di alcuni edifici, non ebbe la fortuna di trovare alcunché sul teatro.

Diversi decenni successivi, tra gli anni Ottanta e Novanta, si prospettò un nuovo piano di scavo nell’area di San Nicola ad opera di una squadra di specialisti del Politecnico di Bari.

Ed ecco che, nel settembre 2016, venne rinvenuto un elemento architettonico, una struttura in calcare: si trattava di un gradone della cavea superiore di un teatro. Finalmente, il teatro greco di Akragas era stato riportato, se non del tutto, alla luce. Gli spalti, secondo l’architettura greca, erano appoggiati sulla cavea rocciosa. Il teatro, risalente al IV secolo a. C., circa un secolo dopo, a seguito della conquista romana, venne ampliato, raggiungendo, probabilmente, un diametro di 95 metri.

Così, dopo secoli di dubbi e ipotesi, negli ultimi anni il teatro antico di Akragas (Agrigento) è stato recuperato dalle viscere dell’oblio e grazie al lavoro degli archeologici è stato restituito alla memoria collettiva. Si aggiunge, in questo modo, un’altra perla della già ricca area archeologica di Agrigento, a testimonianza del passato glorioso della città. Un altro tesoro del passato che proietta sempre più Agrigento e la Sicilia in una dimensione mitica e universale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.