20 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.07
Palermo

collateral di Manifesta 12

Il teatro sensoriale del collettivo noMade al Teatro Mediterraneo di Palermo

30 Ottobre 2018

Per Copresence, progetto collaterale di Manifesta 12, in occasione della chiusura della biennale il 2, 3, e il 4 novembre il Tmo-Teatro Mediterraneo Occupato, con la collaborazione della Fondazione Ignazio Buttitta, ospiterà la performance di teatro sensoriale proposta dal collettivo noMade. L’idea di base è la”Sheshi”, in albanese, la piazza, lo spazio pubblico che veniva vissuto in ogni ora del giorno dagli abitanti delle comunità che vi si riunivano per scambiare pratiche, parole, pensieri, note musicali, gioie e dolori.

La “Piazza Arberia” accoglierà incursioni musicali, poetiche e riflessive durante i 3 giorni di performance per nutrire i visitatori curiosi di conoscere la cultura Arbёreshe e così aprire spazi di confronto e dialogo anche intorno al tema della migrazione e i processi di integrazione secondo una prospettiva storico-culturale. Sarà possibile anche visionare il film “Radio noMade in Arberia” e altri filmati documentari sulla cultura arberesh.

In particolare, per l’apertura della “Piazza Arberia ” il venerdì 2 alle 19 il pubblico potrà incontrare Mario Calivà giovane poeta, drammaturgo e autore del libro “Portella della Ginestra, Primo Maggio 1947” che tratterà del tema : “Il teatro come vettore di comunicazione identitaria” .

Alle 22 saranno The Daggs, a portare le sonorità Arbёreshe nello spazio del TMO. Sabato 3 novembre alle 19, il gruppo di ricerca su musica e cultura siculo-albanese dell’Università degli Studi di Palermo presenterà un documentario sul “Rito musicale del Lazzaro nelle comunità Arbёreshe di Sicilia”. La stessa sera, Stefano Schirò, autore e storico dell’arte, curerà un’incursione poetica insieme ad altri ospiti di Piana degli Albanesi.

Sono invitati a partecipare anche artisti e/o collettivi che lavorano intorno alla tradizione e alla cultura popolare in vista di riflettere e rinforzare i ponti esistenti con l’arte contemporanea. La performance teatrale “Radio noMade in Arberia” si potrà esperire il venerdì e il sabato dalle 18,30 alle 23,00 e la domenica dalle 16,30 alle 21. Si consiglia prenotazione per via dei posti limitati, dato che l’esperienza è individuale.

Ingresso con contributo di 10 euro.

Per più info e prenotazioni:

www.radionomade.com

fb: @COPRESENCE.Manifesta12

leawalter.psi@gmail.com

Il programma:

Venerdì 2 novembre

19.00 – 20.00

“Il teatro come vettore di comunicazione identitaria”

Incontro con Mario Calivà + Proiezione di brevi filmati su alcune tradizioni popolari di Piana degli

Albanesi.

22.00 Incursione musicale di The DAGGS

Sabato 3 novembre

19.00 – 20.00

“Rito musicale del Lazzaro nelle comunità Arbёreshe di Sicilia”

Incontro con Girolamo Garofalo (coordinatore), Giuseppe Giordano, Maria Giuliana Rizzutto, e

Emanuele Tuminiello (Gruppo di ricerca su musica e cultura siculo-albanese dell’Università degli

Studi di Palermo) e con la partecipazione speciale di Papa Jani Pecoraro + Proiezione del film

documentario (20 min)

21.00 – 23.00

“Brezi, la Cintura”

Incursione poetica a cura di Stefano Schiro’ e ospiti.

Domenica 4 novembre

16.30 – 21.00

Performance Radio noMade in Arberia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.