Il tempio del gelato sbarca a Catania, ecco lo Sherbeth festival :ilSicilia.it
Catania

DAL 26 AL 28 SETTEMBRE

Il tempio del gelato sbarca a Catania, arriva lo Sherbeth festival

6 Settembre 2019

Sherbeth, il primo festival internazionale del gelato artigianale al mondo, giunge al suo undicesimo anno di storia e, dopo aver fatto tappa a Cefalù e Palermo nel corso delle prime dieci edizioni, si sposta a Catania per far conoscere l’ormai celebre evento anche al pubblico della Sicilia orientale.

Come da tradizione, anche in questa edizione parteciperanno solo i migliori maestri gelatieri, veri poeti del gusto. C’è chi viene dalla Cina, chi dalla Bolivia, dall’Inghilterra, dalla Germania, dall’Olanda e la solita nutrita delegazione di maestri gelatieri giapponesi. Ad essi il compito di rintracciare le migliori materie prime espressione del loro territorio, infondendo qualità e passione nella preparazione di un gelato talmente buono da ottenere l’ambito premio “Procopio Cutò“.

Per celebrare al meglio il primo anno ai piedi dell’Etna, è stata scelta come location la meravigliosa Villa Bellini. E’ qui che dal 26 al 29 settembre ci sarà lo “Sherbeth Village“, un luogo interamente dedicato al gelato artigianale con gli stand dei 50 maestri gelatieri che proporranno al pubblico i loro gusti di gelato. Fra questi, si potranno degustare accostamenti bizzarri come latte di cocco e wasabi, crema meliga e lime, un gelato al pepe “sansyo” ed uno al farro tostato, ma anche grandi classici come il pistacchio di Bronte, la nocciola, la cannella, lo zabaione, il torrone.

I golosi percorsi proposti da Sherbeth, in questo giro del mondo del gelato, saranno arricchiti da talk show sulla gastronomia, cooking show sul gelato, momenti di formazione e gioco dedicati ai bambini, percorsi d’interesse artistico e, per finire, il prestigioso concorso dedicato a Francesco Procopio Cutò, al termine del quale verrà premiato il maestro gelatiere che risulterà vincitore dal calcolo dei voti espressi dalla giura tecnica e dai maestri gelatieri in concorso, portando a casa la vera ed unica “Coppa del Mondo” del gelato artigianale.

La grande novità di quest’anno è “La casa del gelato”, l’esclusiva Area Vip riservata ai visitatori più esigenti. Qui, con un ticket di 20 euro a persona, si potranno si potranno gustare, nelle apposite cialde, tutti i gusti di gelato presenti alla XI edizione di Sherbeth, anche più di una volta, per un’emozione senza limiti, ma non solo.

Qui si potranno vedere all’opera e dal vivo i Maestri Gelatieri mentre preparano i loro gelati artigianali. Ed ancora: qui e solo qui sarà possibile assaggiare anche i gelati che i 48 concorrenti di quest’anno presenteranno alla giuria del Concorso Procopio Cutò. Gusti particolarmente raffinati, diversi da quelli proposti al pubblico e fatti apposta per colpire i palati particolarmente raffinati dei giurati. Con un ticket a parte sarà inoltre possibile passare dal gelato al vino, grazie all’esclusivo percorso di degustazione dedicato ai Vini naturali dell’Etna.

All’interno dello Sherbeth Village saranno presenti anche degli “Info Point” in cui sarà possibile acquistare la Sherbeth Card dal valore di 10 euro ciascuna. La Sherbeth Card è ricaricabile tramite il sito www.sherbethfestival.it oppure tramite l’App disponibile su Google Play e Apple Store.

Sarà possibile ricaricare la Sherbeth Card anche presso gli info point, con ricariche da 3 euro ciascuna. La Card da 10 euro dà diritto a tre degustazioni di gelato, in cono o in cialda, più una bottiglietta d’acqua (o in alternativa un caffè). Questa undicesima edizione di Sherbeth, grazie a Coni Olimpo, sarà del tutto plastic free. Non verranno infatti utilizzate coppette in cartone plastificato, ma solo coni e cialde.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.