12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.08
Palermo

preoccupazione dopo il sisma

Il terremoto a Catania, Apprendi: “Non si aspetti la tragedia per correre ai ripari”

27 Dicembre 2018

Come al solito, si aspetta il terremoto, i crolli e la gente fuori casa, per ‘sollecitare’ piani di evacuazione adeguati e piani di protezione civile aggiornati e portati a conoscenza di tutti i cittadini“. A dirlo è Pino Apprendi, del Coordinamento regionale “CentoPassi” ed ex funzionario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

“Sarà interessante sapere come ha funzionato il ‘sistema protezione civile’ nei Comuni colpiti dalla scossa che ha creato distruzione in diversi Comuni del catanese. Se anziani e disabili sono stati soccorsi tempestivamente, se le aree di raccolta erano note a tutti gli abitanti e attrezzate adeguatamente”.

“I ‘solleciti’ a posteriori – conclude Apprendi non ci servono. Il documento di Protezione Civile non deve essere soltanto l’elenco di materiali e uomini disponibili conservato dentro il cassetto di qualcuno, bensì uno strumento funzionale noto a tutti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.