Il Times: "Calabria hub della mafia". Il presidente Occhiuto: "Titolo sconcertante. Denuncio" :ilSicilia.it

Il caso

Il Times: “Calabria hub della mafia”. Il presidente Occhiuto: “Titolo sconcertante. Denuncio”

di
19 Agosto 2022

La Calabria è il “cuore della mafia” e assume medici cubani perché gli italiani non vogliono prestare servizio in questa regione. The Times spara a zero, inopinatamente e seguendo un pregiudizio vecchissimo e inaccettabile, contro la Regione Calabria, definendola nel titolo “Hub della mafia”. E il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, annuncia querele (e fa benissimo).

Tutto nasce con l’iniziativa della Regione che da settembre impiegherà 497 medici cubani in via temporanea per sopperire alle carenze degli ospedali calabresi a causa, come spiega lo stesso Occhiuto, del numero chiuso nelle facoltà di medicina ed in attesa della conclusione dei concorsi in fase di espletamento. L’accordo, peraltro simile ad analoghi già siglati in altre Regioni, è stato raggiunto a Roma. Occhiuto definisce “effetti perversi” quelli derivanti dal numero chiuso, e spiega nel dettaglio le modalità dell’accordo.

Invece il Times, con un articolo a firma del corrispondente Tom Kington attinge ai peggiori stereotipi e titolail cuore della mafia assume medici cubani mentre i medici italiani evitano la regione”. Lo stesso giornalista inglese poi commenta in un post: “per sostituire i medici italiani messi in fuga da burocrazia, dirigenti locali incompetenti, corruzione e clan mafiosi che fissano gli appalti la Calabria assume i medici cubani”. Insomma un condensato di stereotipi sul genere “Il padrino” & affini.

Il titolo è stato modificato in seguito alle proteste ed ha suscitato la reazione ufficiale del presidente Occhiuto: “Un titolo (poi modificato) sconcertante, intriso di banali stereotipi, ad un articolo che racconta l’accordo con i medici cubani. La nostra Regione è stanca di questi luoghi comuni. Sono pronto a denunciare il giornale britannico”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv