Il trafficante tunisino residente in Sicilia: “Faccio saltare in aria la caserma dei carabinieri” :ilSicilia.it

il fatto

Il trafficante tunisino residente in Sicilia: “Faccio saltare in aria la caserma dei carabinieri”

di
26 Giugno 2020

Detenzione di armi, esplosivo, sigarette di contrabbando, traffico di migranti e ristorazione: era il business di Moncer Fadhel, il tunisino che ha fatto la sua fortuna economica in Sicilia.

Nell’isola di Pirandello, il trafficante finito in manette, aveva una fitta rete di suoi connazionali – tra cui anche la polizia tunisina – per gestire i numerosi business illegali. Tra i suoi collaboratori vi erano anche dei siciliani utili per il contrabbando di sigarette e al reperimento di imbarcazioni per il traffico di migranti.

Il tunisino si era creato un impero nell’Isola, ma è stato smascherato dagli inquirenti che hanno messo il fermo al business milionario.

Soggetto di particolare pericolosità, dovendo ritenersi sussistenti gli indizi circa la sua posizione apicale fra la Tunisia e la Sicilia – scrivono di lui gli investigatori -. Un organizzazione strutturata sino al punto di poter contare anche sulla collaborazione di funzionari infedeli della polizia tunisina”.

In una intercettazione il tunisino ha fatto, infatti, riferimento a poliziotti che avrebbero ricevuto “un pacco” e che, per tanto, avrebbero “cambiato il verbale” per favorire i trafficanti. In tutte le telefonate a carico del trafficante di migranti “si nota una solida e radicata struttura organizzativa e di adeguate risorse umane e materiali alle proprie dipendenze, potendo contare su un congruo numero di mezzi nautici in grado di realizzare, stabilmente, traversate sulla rotta marittima dalla Tunisia alla Sicilia finalizzate all’ingresso illegale nel territorio italiano di migranti e di consistenti quantitativi di tabacchi illegali”.

Moncer, inoltre, poteva contare anche sull’apporto di pescatori siciliani, fra i quali l’equipaggio del peschereccio lampedusano “Serena”. Il comandante Filippo Solina “riceveva come compenso una quota del tabacco illegalmente importato”.

I precedenti

L’imprenditore tunisino che ha messo radici in Sicilia era già conosciuto dagli investigatori di Marsala, provincia di Trapani. Nel 2012 Fadhel Moncer era stato già condannato per detenzione e porto abusivo di armi, ricettazione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il 22 luglio del 2012 Moncer venne arrestato in flagranza di reato di porto abusivo di armi ed esplosivo importato dalla Francia e “il tutto era destinato, o quantomeno in parte, anche alla realizzazione di un attentato dinamitardo, non realizzato a seguito dello stesso arresto”.

Nel corso di una telefonata il malavitoso affermava: “faccio saltare la caserma, già sto mettendo da parte uno-due chili… appena cominciano ad essere cinquanta o cento chili, ti faccio sapere. Ti faccio spostare tutta la caserma a mare. Se faccio scoppiare una bomba dietro la caserma dei carabinieri a Marsala, che succede? Gli sbirri scappano da Marsala”.

Leggi anche

Traffico di migranti tra Tunisia e Sicilia: sequestrato il tesoro del capo banda

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin