11 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.51

Caos Finanziaria all'Ars

Il triste spettacolo dei franchi tiratori all’Ars: una sconfitta di tutti i Siciliani | VIDEO EDITORIALE

14 Febbraio 2019

 

Guarda in alto il video editoriale di Alberto Samonà

Lo spettacolo a cui abbiamo assistito il 13 febbraio all’Assemblea regionale siciliana in occasione della votazione degli articoli della Finanziaria regionale è decisamente triste. E’ avvenuto che alcuni deputati della maggioranza di centrodestra, protetti dal voto segreto, hanno fatto mancare il proprio sostegno in Aula, con la conseguenza che il governo regionale ne è uscito con le ossa rotte. Ovviamente, alla fine tutto si appianerà e la legge di stabilità verrà approvata, ma a fare le spese di questi giochetti sono come sempre i Siciliani, i cittadini che attendono risposte dalla politica e invece assistono ad accordi sottobanco e tentativi di ricatto da parte di questo o quel deputato che punta i piedi e alla fine vota insieme all’opposizione.

Opposizione, è bene sottolinearlo, che sta facendo fino in fondo il proprio dovere. Quel che manca, invece, è la coesione nella maggioranza, che alla fine dei giochi, risulta essere disgregata. La colpa non è certo del governatore Musumeci o del presidente dell’Ars Miccichè, ma di quel malcostume della politica che, purtroppo, è ancora ben lontano dall’essere morto e in cui galleggiano spesso i cosiddetti “franchi tiratori“.

Ecco, come osservatori e come Siciliani, chiediamo, anzi pretendiamo, che chi rappresenta i cittadini nelle istituzioni e nei palazzi della politica faccia il proprio dovere fino in fondo ed eviti di offrire spettacoli simili.

Il rischio, infatti, è un distacco ulteriore, una disaffezione irrecuperabile della gente rispetto a ciò che accade nei Palazzi e questa sarebbe una sconfitta di tutti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.