Il Vescovo di Mazara del Vallo Mogavero "scomunica" Salvini: "Chi è con lui non può dirsi cristiano" :ilSicilia.it

durante l'Assemblea degli alti prelati a Roma

Il Vescovo di Mazara del Vallo Mogavero “scomunica” Salvini: “Chi è con lui non può dirsi cristiano”

di
20 Maggio 2019

È ora di finirla. Non possiamo più stare zitti di fronte alle sparate di un sempre più arrogante ministro della Repubblica“, lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, dopo che il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha esibito, durante un suo comizio a Milano, il Rosario.

Non possiamo più permettere che ci si appropri dei segni sacri della nostra fede per smerciare le proprie vedute disumane, antistoriche e diametralmente opposte al messaggio evangelico – ha aggiunto -. Chi è con lui non può dirsi cristiano perché ha rinnegato il comandamento dell’amore“, ha sottolineato Mogavero  durante l’Assemblea dei Vescovi italiani a Roma.

Mogavero non è nuovo a dichiarazioni molto dure sul ministro dell’Interno: già lo scorso anno, in un’intervista, aveva detto che il Vangelo è incompatibile con la visione politica di Matteo Salvini. Adesso, questa nuova sortita, arrivata nel bel mezzo della campagna elettorale per le europee.

Nel pomeriggio è arrivata la pronta replica di Salvini, che ha condiviso sul suo account Facebook l’articolo de ilSicilia.it, scrivendo: «’Chi vota Salvini non è cristiano’ secondo il vescovo di Mazara del Vallo… Non commento e continuo a testimoniare la mia Fede con il lavoro per un’Italia più bella e sicura, le chiacchiere le lascio agli altri. Amen».

IL POST DI MATTEO SALVINI:

Salvini condivide post Mogavero
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin