12 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.31

durante l'Assemblea degli alti prelati a Roma

Il Vescovo di Mazara del Vallo Mogavero “scomunica” Salvini: “Chi è con lui non può dirsi cristiano”

20 Maggio 2019

È ora di finirla. Non possiamo più stare zitti di fronte alle sparate di un sempre più arrogante ministro della Repubblica“, lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, dopo che il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha esibito, durante un suo comizio a Milano, il Rosario.

Non possiamo più permettere che ci si appropri dei segni sacri della nostra fede per smerciare le proprie vedute disumane, antistoriche e diametralmente opposte al messaggio evangelico – ha aggiunto -. Chi è con lui non può dirsi cristiano perché ha rinnegato il comandamento dell’amore“, ha sottolineato Mogavero  durante l’Assemblea dei Vescovi italiani a Roma.

Mogavero non è nuovo a dichiarazioni molto dure sul ministro dell’Interno: già lo scorso anno, in un’intervista, aveva detto che il Vangelo è incompatibile con la visione politica di Matteo Salvini. Adesso, questa nuova sortita, arrivata nel bel mezzo della campagna elettorale per le europee.

Nel pomeriggio è arrivata la pronta replica di Salvini, che ha condiviso sul suo account Facebook l’articolo de ilSicilia.it, scrivendo: «’Chi vota Salvini non è cristiano’ secondo il vescovo di Mazara del Vallo… Non commento e continuo a testimoniare la mia Fede con il lavoro per un’Italia più bella e sicura, le chiacchiere le lascio agli altri. Amen».

IL POST DI MATTEO SALVINI:

Salvini condivide post Mogavero

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.