14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.27

durante l'Assemblea degli alti prelati a Roma

Il Vescovo di Mazara del Vallo Mogavero “scomunica” Salvini: “Chi è con lui non può dirsi cristiano”

20 Maggio 2019

È ora di finirla. Non possiamo più stare zitti di fronte alle sparate di un sempre più arrogante ministro della Repubblica“, lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, dopo che il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha esibito, durante un suo comizio a Milano, il Rosario.

Non possiamo più permettere che ci si appropri dei segni sacri della nostra fede per smerciare le proprie vedute disumane, antistoriche e diametralmente opposte al messaggio evangelico – ha aggiunto -. Chi è con lui non può dirsi cristiano perché ha rinnegato il comandamento dell’amore“, ha sottolineato Mogavero  durante l’Assemblea dei Vescovi italiani a Roma.

Mogavero non è nuovo a dichiarazioni molto dure sul ministro dell’Interno: già lo scorso anno, in un’intervista, aveva detto che il Vangelo è incompatibile con la visione politica di Matteo Salvini. Adesso, questa nuova sortita, arrivata nel bel mezzo della campagna elettorale per le europee.

Nel pomeriggio è arrivata la pronta replica di Salvini, che ha condiviso sul suo account Facebook l’articolo de ilSicilia.it, scrivendo: «’Chi vota Salvini non è cristiano’ secondo il vescovo di Mazara del Vallo… Non commento e continuo a testimoniare la mia Fede con il lavoro per un’Italia più bella e sicura, le chiacchiere le lascio agli altri. Amen».

IL POST DI MATTEO SALVINI:

Salvini condivide post Mogavero

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.