Imbarazzo a 5 Stelle: la "tesi copiata" della ministra siciliana all'istruzione | ilSicilia.it :ilSicilia.it

onestà ?

Imbarazzo a 5 Stelle: la “tesi copiata” della ministra siciliana all’istruzione

di
13 Gennaio 2020

C’è imbarazzo nel Movimento 5 stelle per la questione della tesi di abilitazione all’insegnamento che la neo “ministra” all’istruzione, la siracusana Lucia Azzolina avrebbe copiato in più parti. La tesi fu scritta nel 2010 e l’attuale titolare del dicastero la presentò all’Università di Pisa per completare la cosiddetta Siss e conseguire così l’abilitazione all’insegnamento. In varie parti la tesi contiene passi riprodotti da vari testi, ma per come sarebbero scritti – senza cioè la citazione delle fonti bibliografiche, né di virgolettati con note a fondo pagina – trarrebbero in inganno e sembrerebbero scritti in originale dalla Azzolina.

La tesi incriminata, scoperta dal quotidiano La Repubblica, si compone di 41 pagine ed è intitolata “Un caso di ritardo mentale lieve associato a disturbi depressivi“. Peccato che parti di questa non sarebbero farina del sacco della Azzolina, ma prese e copiate e incollate da altre pubblicazioni.

Una vicenda che al di là della polemica politica (Salvini ha attaccato il ministro invocando le sue dimissioni o la cacciata dal governo e lei per tutta risposta ha replicato, ma senza entrare nel merito dell’accusa di plagio), sta suscitando un imbarazzo di non poco conto fra i 5 Stelle, soprattutto perchè tre anni fa furono proprio i grillini ad attaccare l’allora ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, per una vicenda analoga, a seguito della quale ne chiesero le dimissioni.

Un imbarazzo aggravato dal fatto che proprio il M5s ha fatto dello slogan “onestà onestà” la bandiera del proprio Dna politico.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.