Imbrattò la Scala dei turchi, autore trasferito in una casa-lavoro del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto :ilSicilia.it
Agrigento

IL FATTO

Imbrattò la Scala dei turchi, autore trasferito in una casa-lavoro del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto

di
3 Marzo 2022

Trasferito in una casa-lavoro all’interno del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto, a Messina, Domenico Quaranta, il 49enne autore dell’imbrattamento alla Scala dei turchi di Agrigento dello scorso gennaio.

I Carabinieri della Tenenza di Favara hanno notificato, un’ordinanza concernente una misura di sicurezza personale. Un provvedimento, emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Agrigento, nei confronti di una “persona nota per la spiccata pericolosità sociale”.

Oltre al recente imbrattamento della Scala dei Turchi, e ancora prima quello di Punta Bianca, nel recente passato Quaranta si sarebbe reso protagonista della distruzione dei vasi in ceramica posti sul Viale Le Dune in località San Leone, nonché del deturpamento della Casa Natale di Pirandello, a testimoniare l’abitualità nel compiere reati da parte del soggetto.

L’atteggiamento di generica e vaga contestazione nei confronti dell’Autorità Giudiziaria e delle Forze dell’Ordine hanno aggravato ulteriormente la posizione dell’interessato. Al termine degli accertamenti è stato così condotto alla Casa Lavoro del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro