Immagina... :ilSicilia.it
Banner Bibo

Immagina…

di
10 Aprile 2021

botindari epruno

Immagina di aprire le persiane di casa tua incontrando il giorno che nasce e vedere la tua amata città dall’alto e fare pace con essa come ogni giorno, apprezzare la sua bellezza dall’alto, il suo skyline, i suoi colori, il sole che si riflette basso sulle sue coperture e pensare di esser stato fortunato ad esser nato qui.

Immagina a questo punto di scendere e passeggiare mentre la città si sveglia, mentre tutti coloro che lavorano per renderti normale la tua città sono al lavoro, per lavare le scale dei palazzi, per pulire i negozi e le vetrine, per lavare i marciapiedi, per spazzare le caditoie stradali e ripulire i cestini, per curare gli alberi e il verde e tanto altro.

Immagina i piccoli cantieri manutentivi che organizzano la loro giornata lavorativa per riparare il battuto cementizio del marciapiede dissestato, riparare il tappetino d’usura delle strade, sostituire le lampade fuse dalle armature stradali o dalle fruste, raccogliere con regolarità l’immondizia.

Immagina chi approfitta della bella giornata per fare un salto nel giardino pubblico, per far prendere un po’ di sole al bambino piccolo, o lo studente con il suo libro che legge seduto sul prato, la persona anziana che si riposa nella panchina con il suo giornale o mentre guarda incuriosito coloro che manutengono la fontana della villa.

Immagina la libertà di poter andare da un punto all’altro della città con qualunque mezzo tu possieda o desideri utilizzare senza rimanere stressato e imbottigliato, per la concomitanza di eventi non programmati o la paura non poter trovare parcheggio senza doversi mettere in conflitto con postume piste ciclabili o le pessime abitudini inconcepibilmente tollerate dei parcheggi momentanei in doppia e tripla fila.

Immagina ampi parcheggi a raso o sotterranei custoditi ed a prezzi concorrenziali rispetto a qualunque zona blu disegnata su una strada che già ci appartiene e per la quale, a differenza del parcheggio custodito non ci viene fornito alcun servizio aggiuntivo.

Immagina le strade piene di polizia municipale e non di ausiliari del traffico, ad educare sanzionando la gente per i comportamenti non consoni al codice stradale.

Immagina commercianti che tolgono i sigilli e rialzano le saracinesche di locali per troppo tempo rimasti sfitti nelle zone residenziali e giovani che intendono investire in attività imprenditoriali, artigiani che rivivano il loro territorio.

Immagina il tram, il filobus, la metro, le ferrovie intercomunali, i pullman, i taxi, le auto elettriche, le auto tradizionali, le piste ciclabili il tutto presenti coordinate con parcheggi d’interscambio, con zone dedicate, con limitazioni volumetriche di accesso nei centri storici con strade strette per le auto dei privati.

Immagina una circonvallazione che non sia più asse di attraversamento cittadino e che diventi realmente una strada che giri intorno alla città sul lato interno per far sì che il grande traffico interprovinciale o diretto all’aeroporto possa bypassare la città senza necessariamente attraversarla.

Immagina piccoli traghetti con regolarità collegare il porto cittadino con Mondello e Sferracavallo per la riscoperta e la valorizzazione della costa vista dal mare decongestionando il traffico d’auto verso le località balneari, in uno con la linea metropolitana.

Immagina una funivia che colleghi il Castello Utveggio e/o il Santuario di Santa Rosalia che permetta lo svilupparsi di una attività di ricezione e ristorativa conseguente alla scalata e immagina anche il solo poter salire in auto da Palermo al Santuario e poter scendere a Mondello attraverso una bella strada panoramica.

Immagina aree attrezzate e vocate per la realizzazione dei grandi eventi che siano sicure, che interferiscano il minimo con la normale attività delle zone e che permettano la programmazione di stagioni culturali, ludico-sportive e d’intrattenimento.

Immagina il grande stadio di calcio cittadino dedicato agli eventi di cui sopra, fin quando in città non ci sarà una squadra in grado di giocare nella massima serie, destinando per gli eventi con meno di diecimila spettatori alternative strutture cittadine già da tempo costruite.

Immagina… Non rimanere schiavo di una “visione”, guarda al futuro, ci vorranno anni… Ma quanti anni sono passati da quando avresti meritato tutto ciò?

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”.

 

Un abbraccio Epruno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco