Immigrati, Gelarda a Orlando sulla nave Aquarius: "Prima Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

Oggi Gelarda incontrerà il ministro dell'Interno

Immigrati, Gelarda a Orlando sulla nave Aquarius: “Prima Palermo”

di
14 Agosto 2018

Sulla disponibilità data dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando per accogliere la nave Aquarius con a bordo 141 migranti interviene il consigliere comunale della Lega Igor Gelarda, che oggi incontrerà il ministro dell’interno Matteo Salvini.

“Purtroppo ancora una volta Orlando dimostra di avere bisogno di un posto al sole nel panorama politico italiano, dove ormai c’è buio fitto per lui. Bisogna capire per quale ragione una nave di proprietà tedesca, affittata ad una ong francese, attualmente in acque maltesi e battente bandiera di Gibilterra, debba attraccare in Italia, come hanno sottolineato il Ministro dell’Interno Salvini e quello delle Infrastrutture Toninelli. Il Regno Unito deve assumersi le proprie responsabilità. Come dovrebbe farlo, nei confronti dei palermitani, proprio Orlando. Non è che il sindaco – ironizza Gelarda – avrebbe per caso già pronto qualche immobile, magari sequestrato alla mafia, dove sistemare questi profughi? Visto che dei palermitani non sembra minimamente interessarsi, se non quando li deve multare?”.

“E poi – continua Gelarda al vetriolo – non sarebbe neanche giusto nei confronti di questi migranti accoglierli in una città dove la spazzatura ha ormai invaso tutto. Sarebbe poco riguardoso nei loro confronti! Insomma si occupi prima di Palermo e poi di tutto il resto del mondo. Oggi incontrerò Salvini e parleremo tanto della vicenda della villa assegnata ai rom in via Emma, quanto della situazione insostenibile a Palermo per i palermitani”.

Gelarda conclude con una riferimento al documento firmato da alcuni componenti della Consulta delle culture di Palermo che polemizzavano con Salvini. “Vorrei ricordare ai consiglieri della Consulta delle culture – spiega – che la stessa nasce con l’obiettivo di favorire scambi e comunicazioni tra le varie componenti etniche di Palermo. La consulta dovrebbe svolgere il prezioso ruolo di unire favorendo in modo civile il confronto tra persone ed identità etniche diverse. Operare come parte politica assumendo delle posizioni pregiudiziali, schierandosi non in favore di idee ma di parti inficia il senso della sua stessa esistenza. Agli amici della Consulta mi permetto di consigliare di essere parte attiva nel processo critico sui temi così importanti e non strumento politico di una parte”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.