Immigrazione, il sindaco di Lampedusa: "Incendio ai barconi? Subdoli provocatori" :ilSicilia.it
Agrigento

LE PAROLE DI SALVATORE MARTELLO

Immigrazione, il sindaco di Lampedusa: “Incendio ai barconi? Subdoli provocatori”

di
8 Giugno 2020

“Precisiamo che chi incendia i barconi lasciati ammassati da un pezzo di Stato, va condannato senza se e senza ma. Perché sono subdoli provocatori nell’ombra”.

A dichiararlo è il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera dopo l’incendio ai vecchi barconi usati dagli immigrati per arrivare sull’isola.

PAROLE DI CONDANNA

“Attenzione a non fare il loro gioco. Lo scenario che verrà, anche con nuovi sbarchi, l’amministreremo comunque bene. E i turisti come i lampedusani non vedranno mai un migrante sul corso o in spiaggia“.

totò martello
Salvatore Martello

Intanto, bisogna trovare i piromani e quei mascalzoni che hanno violato pure la Porta d’Europa, avvolgendola con dei sacchi. Altra provocazione, mentre si alimentano le fake news su un nuovo Centro accoglienza e su nuovi sbarchi, come se ai tempi di Salvini qui non arrivasse nessuno. Importante è amministrare bene e fare“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Saghe familiari: Ray Donovan, Peaky Blinders

Ci sono serie o miniserie tv diverse dalle altre perché piuttosto che raccontare le vicende di singoli personaggi hanno come protagonisti degli interi gruppi familiari. In questi casi le  dinamiche narrative sono diverse, più complesse ed articolate e si sviluppano  in  storie totalmente
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin