Immigrazione, Lega protesta ad Augusta: "No a un'estate di sbarchi" :ilSicilia.it
Siracusa

Le parole di Minardo

Immigrazione, Lega protesta ad Augusta: “No a un’estate di sbarchi”

di
17 Giugno 2021

“Oggi e’ il giorno della nostra protesta, tanto civile quanto dura e decisa; la facciamo ad Augusta mentre arriva l’ennesima nave con oltre 400 migranti”.
Cosi’ Nino Minardo, segretario regionale Lega Sicilia.

Oggi – aggiunge – e’ il giorno in cui viene confermato come le preoccupazioni e le richieste inderogabili della Lega Sicilia siano le medesime di tutto il partito e del nostro leader, Matteo Salvini, con cui stamattina mi sono confrontato. Subito dopo Matteo ha portato le istanze della Lega in materia di immigrazione direttamente al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e ha detto benissimo: ‘non si puo’ pensare ad un’estate di sbarchi’! Salvini a Draghi ha sollevato il ‘tema aperto e caldo’ dell’immigrazione irregolare, la Lega pretende un intervento ‘serio e secco’ dal Capo del Governo e dal Ministro dell’Interno e la Lega Sicilia sottoscrive pienamente ogni parola del nostro segretario nazionale”.

“Diamo man forte a Matteo Salvini da Augusta perche’ vi sia la consapevolezza di tutti che la Sicilia, questa estate, debba ritrovare serenita’ sanitaria, economica e sociale e non lo possa fare senza uno stop immediato all’immigrazione clandestina. Queste povere persone non devono finire in mano ai trafficanti di esseri umani, devono restare a casa loro e li’ essere aiutate. Nella nostra terra non siamo disposti a sopportare altri flussi migratori incontrollati e oggi pomeriggio lo ribadiamo con assoluta chiarezza”, sottolinea il segretario regionale Lega Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin