Immigrazione, Musumeci: "Il governo nazionale non ha un piano e l'Ue se ne frega" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Immigrazione, Musumeci: “Il governo nazionale non ha un piano e l’Ue se ne frega”

di
3 Agosto 2020

“E’ facile dire che c’è un’emergenza in Sicilia. Ma bisognerebbe anche avere l’onestà di riconoscere che il governo nazionale non ha previsto per tempo alcun piano. Ho letto che questa è anche l’opinione del segretario del Pd, Zingaretti. Siano conseguenziali: ammettano gli errori al posto di fare finta di nulla”.

Parlando dell’emergenza immigrazione, lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in un’intervista a “Libero”. “Ci sono diversi livelli di responsabilità. Il primo: l’Europa – sottolinea Musumeci -. Se ne fregano e da sempre la linea di frontiera dell’Europa, che è la Sicilia, è lasciata solo all’Italia. Il secondo: il Governo centrale: non è tollerabile che si faccia finta di nulla. Il terzo: il buonismo di bassa bottega”. Smantellando i decreti sicurezza che avevano consentito, per il governatore, “di limitare gli sbarchi”, “inevitabilmente mandi un segnale chiaro: e diventi il ventre molle per entrare in Europa”.

Verso il ministro degli Interni Luciana Lamorgese “c’è rispetto istituzionale” “ma non c’è sempre reciprocità. E mi sto stancando. Non posso apprendere da una telefonata di un prefetto che lo Stato vuole realizzare una tendopoli per centinaia di migranti. E dove? In una zona Unesco? Pazzi”, continua Musumeci, secondo cui “si dovrebbero fare cose semplici: curare i malati e limitare la presenza di tutti gli altri sul territorio nazionale.
Anche perché nella stragrande maggioranza si tratta di migranti economici, magari – conclude – attirati dall’ennesima sanatoria varata dalla ministra Bellanova…”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47