15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Agrigento

Finanza a bordo ferma lo sbarco

Immigrazione, sequestrata la Sea Watch: “Nave fuorilegge”

19 Maggio 2019

La Guardia di Finanza sta procedendo d’iniziativa al sequestro della Sea Watch 3. Secondo quanto si apprende, i militari delle Fiamme Gialle sono a bordo della nave, ancorata alla fonda a mezzo miglio a sud del porto di Lampedusa, per un’attività di polizia giudiziaria finalizzata proprio al sequestro.

I militari procederanno inoltre alla denuncia dell’equipaggio all’autorità giudiziaria. La Sea Watch è “una nave fuorilegge“: la “magistratura faccia come crede, ma il Viminale continua e continuerà a negare lo sbarco”, dicono fonti del Viminale.

“La vicenda Sea Watch 3 – affermano fonti del Ministero degli Interni in relazione alla vicenda della nave della ong tedesca con a bordo 47 migranti – conferma una volta di più l’urgenza di approvare il decreto sicurezza bis già nel Consiglio dei ministri di domani, per rafforzare gli strumenti del governo per combattere i trafficanti di uomini e chi fa affari con loro”.

Salvini

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini – continuano le fonti del Viminale – “si aspetta provvedimenti nei confronti del comandante della nave, dal quale è lecito attendersi indicazioni precise sui presunti scafisti presenti a bordo. Resta un tema fondamentale: la difesa dei confini nazionali e l’ingresso in Italia di un gruppo di sconosciuti dev’essere una decisione dalla politica (espressione della volontà popolare) o di magistrati e Ong straniere?”. 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.