Impianti di depurazione in Sicilia, Pierobon: "Stiamo accelerando i progetti" :ilSicilia.it

la replica alle preoccupazioni dell'Ance

Impianti di depurazione in Sicilia, Pierobon: “Stiamo accelerando i progetti”

di
9 Marzo 2019

“Da quando mi sono insediato abbiamo lavorato al fianco del commissario Rolle per rimuovere quelle criticità che hanno rallentato i progetti sulla depurazione. Abbiamo trovato un quadro di grande insofferenza”. Lo afferma l’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, rispondendo all’ Associazione siciliana dei costruttori (Ance) in merito ai progetti per adeguare gli impianti di depurazione nell’Isola.

“L’ultimo incontro con la struttura commissariale di Rolle è avvenuto a febbraio – spiega Pierobonla buona notizia comunicata è che tutti gli interventi sono stati avviati. C’è pero’ ancora tanto da fare. Stiamo intervenendo per rimuovere gli ostacoli di natura tecnica e burocratica che sono stati riscontrati a diversi livelli”.

Pierobon elenca quindi le azioni intraprese: “Con una delibera di Giunta abbiamo consentito l’esecuzione dei lavori in tutti quei depuratori dove c’è il progetto esecutivo, ci sono i soldi, ma l’Ati non è in grado di realizzare il progetto, che potrà quindi essere portato avanti dai tanti Comuni interessati. Altro problema, c’era un ostacolo informatico, legato alla difformità dei sistemi utilizzati a livello nazionale e regionale, che sembrava banale ma ritardava la comunicazione dei dati e l’erogazione delle risorse per i progetti. Anche qui siamo intervenuti per chiedere di poter usare gli stessi strumenti”.

I problemi sono di varia natura. “Emblematici i casi di Santa Flavia e Castellammare del Golfo, su cui siamo già intervenuti – racconta Pierobon a Santa Flavia una costruzione insiste da tempo a ridosso del depuratore e ha ostacolato i lavori, ma non era chiaro di fosse la competenza per una eventuale deroga, se del Territorio o dell’Urbanistica. A Castellammare invece un presunto errore nei lavori di consolidamento di un costone, eseguiti in una zona ritenuta sicura piuttosto che nella parte a rischio, ha comportato un prolungamento dei tempi”.

“Tra le opere più grosse c’è quella di Acireale, dove da tempo sono previsti due impianti ma per sbloccare l’iter ne sarà realizzato uno che servirà tutto il territorio. Concordiamo con l’Ance sulla necessità di intervenire urgentemente per realizzare gli interventi programmati. Ci conforta che l’associazione riconosca la stretta collaborazione avviata con il commissario Rolle e lo sforzo che stiamo producendo. Stiamo lavorando senza sosta e faremo di tutto per raggiungere gli obiettivi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.