Impianti pubblicitari "a scrocco" a Messina: morosità per 5 milioni :ilSicilia.it
Messina

mancati pagamenti da 10 anni

Impianti pubblicitari “a scrocco” a Messina: morosità per 5 milioni

di
18 Febbraio 2020

L’Amministrazione Comunale di Messina avvia l’operazione “piazza pulita” sul territorio per quanto riguarda gli impianti pubblicitari presenti in città inerenti iniziative promozionali per le quali non è poi entrato un solo euro nelle casse della casa municipale e si è accumulata, anzi, una maxi-morosità nei confronti di Palazzo Zanca.

“È in corso di rimozione – rende noto il sindaco Cateno De Luca tutto ciò che riguarda una serie di impianti pubblicitari per oltre 5 milioni di euro di morosità risalenti agli ultimi 10 anni. Non solo la gran parte delle imprese che gestiscono i 6 x 3 non pagavano da dieci anni ma continuavano a depurare la città”.

“Anche questa storia è ormai finita, pur se sarà quasi impossibile recuperare gran parte delle somme non versate al Comune di Messina che ammontano, come detto, alla significativa circa di 5 milioni di euro. Nel frattempo stiamo staccando tutti gli impianti pubblicitari. Andiamo avanti, senza se e senza ma”, ha aggiunto il primo cittadino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.