Imprenditori furbetti percepivano il reddito di cittadinanza, 36 denunciati :ilSicilia.it
Enna

SUCCEDE A ENNA

Imprenditori furbetti percepivano il reddito di cittadinanza, 36 denunciati

di
28 Maggio 2020

Sulle dichiarazioni ISEE risultavano indigenti, tanto da percepire il reddito di cittadinanza. Ma in realtà erano beneficiari di fondi europei per decine di migliaia di euro.

Finiscono così nei guai 36 imprenditori dell’Ennese, scoperti dal comando provinciale della Guardia di Finanza nell’ambito dell’operazione “Inside”. I militari hanno effettuato  controlli su 7.600 beneficiari di contributi Agea.

IL FATTO

I finanzieri hanno così individuato i furbetti, risultati già percettori di contributi comunitari erogati dalla Pac (Politica Agricola Comune). I soggetti “omettevano scientemente di indicare tali provvidenze attingendo così al reddito di cittadinanza non di spettanza“. Gli importi giungevano fino a 1.200 euro al mese.

I furbetti sono stati segnalati alla Procura di Enna, guidata da Massimo Palmeri, e rischiano la reclusione da due a sei anni.

Sono state avviate, al contempo, le operazioni per la revoca del beneficio ed il recupero dell’indebito, di competenza dell’Inps, quantificato in oltre 200.000 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.