Imprese e ponte sullo stretto, Di Maio e Cancelleri: "La pandemia non deve fermare l'economia" :ilSicilia.it

Le dichiarazioni dei pentastellati

Imprese e ponte sullo stretto, Di Maio e Cancelleri: “La pandemia non deve fermare l’economia”

di
23 Aprile 2021

Alla conferenza stampa di presentazione della terza edizione Stati generali dell’Export, e in programma a Marsala dal 24 al 26 settembre, sono intervenuti il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e Giancarlo Cancelleri, Sottosegretario di Stato per le Infrastrutture e la Mobilità sostenibili.

La strategia per l’internazionalizzazione delle imprese siciliane e della capacità del saper fare italiano partirà dall’Isola: l’idea è di sviluppare un piano innovativo di attrazione degli investimenti esteri “che grazie alla riforma operata dal ministero che ho l’onore di guidare- ha detto Di Maio–  ci darà la possibilità di avvalerci per la prima volta della sinergia tra tutto il nostro apparato diplomatico consolare e gli attori istituzionali internazionali”.

Attraverso l’azione del Comitato di attrazione degli investimenti che il Ministero degli Esteri co-presiede con il Ministero dello Sviluppo Economico, si vuole intercettare la grande sfida del rientro a casa delle aziende che in precedenza avevano delocalizzato nel continente asiatico.

“Le filiere si stanno accorciando a causa della crisi pandemica. Noi dobbiamo essere in grado di intercettare quelle aziende che hanno delocalizzato in alcune parti del mondo,  e che vogliono ritornare nel continente europeo, per farlo abbiamo bisogno di coordinamento”.

Abbiamo avviato i primi contatti con la ministra degli Esteri libica ed è la prima volta che abbiamo un interlocutore unico”, ha detto il Ministro Di Maio, rispondendo alla questioni sollevate dal presidente Musumeci legate ai pescherecci siciliani e ai confini marittimi.

Confidiamo nel fatto di poter lavorare alla questione delle delimitazioni dei confini marittimi. E’ una contesa che è in atto da diversi decenni. Invitiamo sempre alla prudenza le nostre marinerie a non entrare in acque contese. Io capisco bene le ragioni economiche di padri di famiglia che portano avanti la loro attività, ma come abbiamo visto alla fine del 2020 questo ci ha esposto a rischi che hanno messo in pericolo la vita di nostri concittadini e questo noi non possiamo permettercelo”, ha spiegato il Ministro degli Esteri.

Per il rilancio dell’economia siciliana, le istituzioni nazionali e regionali hanno ribadito l’importanza di investire nella realizzazione delle infrastrutture che consentano un attraversamento stabile di merci , puntando sulla grande mobilità che la costruzione del Ponte sullo stretto di Messina può offrire.

La cultura del commercio si fortifica “laddove esistono le infrastrutture. Siamo al paradosso, navi che passano da Suez, canale artificiale costruito dall’uomo, passano davanti il canale di Sicilia e si dirigono verso i porti del Nord Europa, facendo la fortuna pur non affacciandosi sul mediterraneo, ma che di fatto sfruttano il mediterraneo. Noi dobbiamo strutturarci, rilanciare i porti che abbiamo, ma la questione sul ponte sullo stretto non è più rinviabile,  ha detto il Sottosegretario alle Infrastrutture.

In questo momento di pandemia dobbiamo lavorare tutti insieme indossando una sola maglia. Oggi sono tifoso del presidente della Regione. Forza Nello, conta su di noi”, così ha concluso Cancelleri.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti