Imprese siciliane in crisi profonda, ma i Comuni pagano in ritardo: solo l'11% puntuali :ilSicilia.it

L'indagine di Confartigianato

Imprese siciliane in crisi profonda, ma i Comuni pagano in ritardo: solo l’11% puntuali

di
19 Aprile 2021

Il 35,3% di imprese siciliane si trova in crisi di liquidità eppure il 46,3% dei comuni paga le fatture ai fornitori oltre i 60 giorni dall’emissione, in barba al limite di 30 giorni imposto dalla direttiva europea entrata in vigore il primo gennaio 2013. Lo rivela l’Osservatorio economico di Confartigianato Sicilia, che incentra la sua analisi territoriale, esaminando i dati del ministero dell’Economia, sui tempi di pagamento di 389 Comuni siciliani per cui sono rilevati i primi tre trimestri del 2020. La maglia nera va alle province di Enna, Agrigento e Messina.

La Sicilia, in classifica nazionale, si posiziona al penultimo posto. Solo poco piu’ di un Comune pagante su 10 (11,3%) è virtuoso e salda le fatture entro 30 giorni: si tratta di 44 Comuni, che concentrano un quinto (20,6%) dell’importo pagato (275 milioni di euro). Nel complesso sono al di fuori dei limiti di legge l’88,7% dei Comuni (345) con una quota del 79,4% sull’importo pagato (1,1 miliardi di euro). In media, nei primi tre trimestri del 2020, a fronte di un importo totale di 2 miliardi di euro di fatture ricevute, i Comuni della Sicilia hanno pagato 1,3 miliardi di euro (65,8% del totale fatture ricevute), mediamente in 47 giorni (quinta regione nella classifica nazionale per piu’ ampio tempo medio pagamenti dei comuni): il dato è superiore a quello medio nazionale (36 giorni) e supera di 17 giorni il limite fissato nel 2013 recependo la direttiva comunitaria sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali (30 giorni). In media i comuni delle 9 province pagano tutti oltre il limite di legge dei 30 giorni.

Impiegano un maggior numero di giorni per effettuare pagamenti i comuni della provincia di Agrigento e Catania (54) e un numero di giorni più contenuto i comuni della provincia di Palermo (43). La provincia con la maggiore quota di Comuni in regola è Trapani (29,2%), seguita da Caltanissetta (22,7%). Le province con quote piu’ elevate di comuni che pagano oltre il limite sono Enna (100%), Agrigento (95,3%), Messina (94,4%) e Ragusa (91,7%). In particolare si rilevano quote piu’ alte di comuni che pagano oltre i 60 giorni a Messina (63%), Siracusa (57,1%), Catania (50,9%) e Ragusa (50,0%).

“Questi ritardi sono di particolare gravita’ nel pieno della crisi da pandemia e i tempi vanno necessariamente accorciati – dice Giuseppe Pezzati, presidente di Confartigianato Sicilia -. Troppi imprenditori non possono contare sulla certezza di vedersi saldate le fatture nei 30 giorni stabiliti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin