In che mani è finito il Palermo? La new age di Baccaglini come se fosse antani :ilSicilia.it
Palermo

La domanda ancora senza risposta è: in che mani è finito il Palermo?

In che mani è finito il Palermo? La new age di Baccaglini

di
9 Marzo 2017

In attesa dello scappellamento a destra, cerchiamo di riepilogare quel che è successo e succede dalle parti di Viale del Fante: Baccaglini ha avviato la procedura per comprare il Palermo. Zamparini ha detto che quanto recupererà sono cazzi suoi e cazzi suoi siano (scusate il francesismo).  Neo Presidente, tu che sei stato Iena accetta questa presa per i fondelli prematurata.

 Perle di saggezza by Paul Baccaglini: “Le informazioni che avete trovate sono informazioni di dominio pubblico. La parola fondo è una definizione semplificata per parlare dei servizi finanziari che durante questi anni abbiamo messo a punto”.  Ma Integritas è una “dormient company”, quando avrebbe fornito questi servizi?  Ed ancora:  il progetto “si articola su aspetti e concetti che vanno oltre il concetto di fondo. La  forza di un fondo è data dalla costanza dei risultati che passano per passaparola”.

Sennò posterdati per due anche un pochino antani, è imperdibile il concetto di anonimato: “noi siamo sempre rimasti una realtà dietro le quinte. Nel mondo degli investimenti essere anonimi è un valore aggiunto. I clienti hanno bisogno di tenere segregati (sic, ha detto proprio segregati) i propri affari”.

Orlando e Baccaglini
Orlando e Baccaglini

Come trazione per due anche se fosse supercazzola bitumata, abbiamo annaspato per capire di che fondo si trattasse.  In principio, era il fondo angloamericano. Ma non quello angloamericano che avevamo trovato noi cercando sul web, semmai quello per niente americano ma solo anglo (precisamente del Kent) co-fondato proprio da Baccaglini, Fleming e Birrell ( più un tale Jon Carp). Bravo Paul, scrisse sul sito (accessibile solo) Mister Fleming. Ma alla fine di Integritas e di fondi non se ne farà nulla. Perché oggi si scopre che il fondo – solo qualche giorno fa lo schema taumaturgico presentato da Zamparini per cedere i suoi asset – non è lo strumento adatto per le operazioni e i progetti che si dovranno compiere. Quindi niente fondo, meglio una Spv. Cos’è una Spv? E’ una società veicolo, che serve per raggiungere degli obiettivi nel mondo della finanza. Insomma, un taxi?

Lasciamo la parola a Baccaglini: “Spv è un veicolo societario ottimizzato, è lo strumento che abbiamo deciso di utilizzare, perché  Integritas non era la cosa giusta”.  Sinceramente, senza bisogno di supercazzole o superpoteri, che Integritas non fosse la cosa giusta l’avevamo capito. Ringraziamo Baccaglini per la conferma.

Sembra che di mezzo ci siano tutta una serie di vincoli…. E poi la precisazione firmata dall’Ex Iena. Una vera e propria sbiriguda veniale. “Il convincimento della solidità del gruppo non è affare dei giornalisti”. Quindi, non sono cazzi nostri. A dire il vero, se qualcuno ai tempi della sua permanenza alle Iene avesse risposto con simil tracotanza, Baccaglini in primis l’avrebbe demolito, sputtanato, triturato, inghiottito e digerito mediante tubo catodico.  E a proposito di digestione: il neo presidente ci spiega che sembra che il sistema “abbia digerito” il metodo finanziario scelto da Baccaglini per gestire il Palermo.

Ma chiudiamo col sogno d’amore. Apprendiamo che il Palermo è una bellissima donna. E Baccaglini  sostiene di voler esser il suo corteggiatore per trasformarla in Regina. Insomma Baccaglini prima o poi la suona. La tromba, sia chiaro, non pensate male.  Ah bella figlia dell’amore..

Carmensita, amore mio, sono un uomo d’affari, blinda la supercazzola prematurata, una cosa d’assegni, tarapia tapioca, tapioca torapia, dollari, sterline, allaccia scarpa, scarpallaccia, dico d’albergo, ma tu?”

E in tutto questo blindare come se fosse antani del nuovo presidente, la domanda ancora senza risposta è: in che mani è finito il Palermo?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin