In fiamme furgone della polizia a Lampedusa. Il sindaco: "Siamo nel caos" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Delicata la situazione dell'isola delle pelagie

In fiamme furgone della polizia a Lampedusa. Il sindaco: “Siamo nel caos”

di
27 Agosto 2019

Un furgone della polizia posteggiato nell’area del centro di accoglienza di Lampedusa ha preso fuoco nella notte per cause ancora da accertare. Ad escludere la matrice dolosa è il questore che parla di cause accidentali.

“L’incendio del furgone della polizia di Stato è stato di matrice accidentale”. A dirlo sono anche i vigili del fuoco del distaccamento di Lampedusa (AG). A quanto pare – stando a quanto è stato ufficializzato dalla questura di Agrigento – è rimasta accesa una luce posteriore e s’è innescato un cortocircuito”.

“Nessun dubbio, è stato di un incendio accidentale – chiarisce il questore Rosa Maria Iraci – Nessun caos sull’isola”, conclude rispondendo a distanza alle parole del sindaco Totò Martello.

A dare la notizia dell’incendio, era stato il sindaco di Lampedusa Totò Martello, che chiede che l’isola non venga abbandonata dalle istituzioni e polemizza con il governo: “Questa notte un furgone della Polizia, parcheggiato in strada, ha preso fuoco – afferma il primo cittadino – Siamo abbandonati a noi stessi e temo che questa sia una scelta ben precisa, così si crea il caos e poi si scarica la colpa su di noi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin