In fiamme furgone della polizia a Lampedusa. Il sindaco: "Siamo nel caos" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Delicata la situazione dell'isola delle pelagie

In fiamme furgone della polizia a Lampedusa. Il sindaco: “Siamo nel caos”

di
27 Agosto 2019

Un furgone della polizia posteggiato nell’area del centro di accoglienza di Lampedusa ha preso fuoco nella notte per cause ancora da accertare. Ad escludere la matrice dolosa è il questore che parla di cause accidentali.

“L’incendio del furgone della polizia di Stato è stato di matrice accidentale”. A dirlo sono anche i vigili del fuoco del distaccamento di Lampedusa (AG). A quanto pare – stando a quanto è stato ufficializzato dalla questura di Agrigento – è rimasta accesa una luce posteriore e s’è innescato un cortocircuito”.

“Nessun dubbio, è stato di un incendio accidentale – chiarisce il questore Rosa Maria Iraci – Nessun caos sull’isola”, conclude rispondendo a distanza alle parole del sindaco Totò Martello.

A dare la notizia dell’incendio, era stato il sindaco di Lampedusa Totò Martello, che chiede che l’isola non venga abbandonata dalle istituzioni e polemizza con il governo: “Questa notte un furgone della Polizia, parcheggiato in strada, ha preso fuoco – afferma il primo cittadino – Siamo abbandonati a noi stessi e temo che questa sia una scelta ben precisa, così si crea il caos e poi si scarica la colpa su di noi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.