In fiamme l'auto di un agente di polizia penitenziaria. "Non ho nemici" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Siracusa

"A Rosolini atti malavitosi sembrano ormai diventati all’ordine del giorno"

In fiamme l’auto di un agente di polizia penitenziaria. “Non ho nemici”

di
1 Dicembre 2016

Hanno cosparso di benzina e hanno dato fuoco a una Fiat Punto parcheggiata in via Tenente Sipione a Rosolini, nel siracusano. L’episodio è avvenuto ieri intorno alle 14.40 e la vittima è un agente di polizia penitenziaria. “Ho pensato a lungo a chi potesse avere interesse a compiere questo gesto – racconta l’agente – ma sinceramente non ho problemi con nessuno, nè in ambio lavorativo, nè familiare. Per questo credo che chi voleva incendiare la mia auto, o deve essersi sbagliato o ha colpito a casaccio”.

Intanto si è rivolto ai carabinieri per denunciare il fatto: si tratta di ignoti che avevano intenzione di dare alle fiamme l’auto appartenente a A.L. agente di polizia penitenziaria di 48 anni proprio mentre era parcheggiata davanti la sua abitazione, dove quest’ultimo si trovava insieme ai suoi due figli piccoli. Le fiamme che prendevano vigore sulla parte anteriore del cofano sono state notate da un vicino che rientrava a casa passando da via Tenente Sipione, a pochi metri dalla centrale via Santalessandra, e che ha avvertito il proprietario mentre intanto tentava di spegnere il rogo con dell’acqua. Non è stato necessario chiedere l’aiuto dei vigili del fuoco. Il piromane ha fatto perdere le proprie tracce dopo aver cosparso l’auto di liquido infiammabile e posizionato sulla parte destra del cofano anteriore alcuni pezzi di diavolina, utilizzata comunemente per accendere il caminetto o il barbecue. A Rosolini atti malavitosi sembrano ormai diventati all’ordine del giorno – a settembre a prendere fuoco sono state un’auto di proprietà del responsabile della Cna di Rosolini, Pippo Cicero, e l’auto di un bracciante agricolo in via Giotto – ed è per questo che i cittadini chiedono un rafforzamento del personale della locale stazione dei Carabinieri con una presenza costante ventiquattro ore su ventiquattro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin