In fuga dalla Sicilia per studiare: l'Isola è prima in Italia per "emigrazione intellettuale" :ilSicilia.it

Sempre di più i giovani che lasciano la nostra terra

In fuga dalla Sicilia per studiare: l’Isola è prima in Italia per “emigrazione intellettuale”

di
13 Aprile 2019

Agli ultimi posti nella percentuale di laureati. Su 450 regioni censite in Europa (dati Eurostat) la Sicilia si classifica 448esima, davanti solo a due regioni della Romania.

Vanta, invece, il non invidiabile primato nella classifica dell’emigrazione intellettuale: la percentuale di giovani che lascia la regione per studiare altrove è la più alta d’Italia e riguarda quasi un siciliano su tre: esattamente il 28%.

Se le statistiche fanno dell’Isola il fanalino di coda per numero di laureati, l’Isola vanta, invece, l’istituto secondario con il più alto numero di studenti partecipanti al progetto di alternanza-scuola lavoro: oltre 130 all’Istituto tecnico industriale Vittorio Emanuele III di Palermo. Un record indice di una scelta precisa: in una regione dove le grandi aziende sono poche, il mondo scolastico deve essere molto più intraprendente per assicurare ai propri giovani la formazione e le esperienze necessarie per trovare un impiego futuro.

Restano gli altri dati, quelli che fanno della Sicilia il fanalino di coda per laureati e che danno l’isola in testa nella classifica delle regioni a più alto tasso di emigrazione intellettuale. Dato quest’ultimo che conferma come siano sempre di più i giovani in fuga dalla Sicilia per poter completare i propri studi. E purtroppo, da quel che emerge molti di questi ragazzi non rientrano più.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.