In migliaia a passeggio nei viali del Parco per la "Domenica Favorita" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

successo per il terzo appuntamento

In migliaia a passeggio nei viali del Parco per la “Domenica Favorita”

23 Aprile 2017

Tra le tante attività che si sono svolte oggi a Palermo c’è stata anche la terza Domenica Favorita, con l’apertura di tutti i 400 ettari di parco al pubblico ma non alle macchine e tantissime attività ludiche, sportive e culturali.

La città aveva necessità di un parco e di riappropriarsi della Favorita non si spiegherebbe altrimenti l’incredibile afflusso di migliaia di persone lungo i viali dell’ex parco reale chiuso al traffico. Oltre le mura del centro storico, oltre lo street food e le vie dei librai, per gli amanti della natura e del verde, Palermo svela un’altra parte di sé, bella e accogliente, oggi in migliaia sono stati all’aperto a godere del verde e complice la bellissima giornata di primavera.

La novità più attesa era la mongolfiera in volo a trenta metri d’altezza. Presenti anche i “Brass marching band”, che hanno ricreato l’atmosfera del jazz itinerante di New Orleans, c’era anche la novità musicale con il concerto della Balarm Sax-Orchestra del Conservatorio Bellini, diretta dal maestro Giuseppe Palma. Esordio anche per gli spettacoli di marionette “Come i pupi raccontano…”, organizzati dal Museo Pasqualino nell’atrio di Villa Niscemi, avvincente anche la “Caccia al tesoro fotografica” della Scuola stabile di fotografia di Antonio Saporito.

 

In programma altre due domeniche, “Poi vedremo cosa accadrà – dice Nicola Tricomi, uno degli organizzatori – di certo è una delle più belle esperienze di collaboratione tra pubblico e privato, tra l’amministrazione e le tante associazioni che hanno risposto con entusiasmo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.