25 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.23
Palermo

L'iniziativa del Carroccio

In migliaia ai gazebo della Lega per firmare contro Orlando e pro Salvini

10 Febbraio 2019

Oltre duemila firme raccolte nei gazebo della Lega allestiti tra Palermo, Bagheria, Belmonte Mezzagno e Monreale, per chiedere “le dimissioni del sindaco metropolitano Leoluca Orlando e per esprimere solidarietà al Ministro dell’Interno Matteo Salvini“. Una petizione popolare, organizzata per dire no a “degrado, disservizi, abbandono e sporcizia”.

La gente è stufa di essere presa in giro da un sindaco che da tempo ha voltato le spalle a Palermo – dice Igor Gelarda, consigliere comunale a Palazzo delle Aquile e responsabile enti locali della Lega in Sicilia – e lo dimostrano le file che si sono formate davanti ai gazebo, con tantissime persone che hanno voluto marcare con la loro firma il desiderio di voler mandare a casa questo sindaco. Una partecipazione numerosa a testimonianza del fatto che sono sempre di piu’ i cittadini stanchi di subire l’arroganza di un sindaco che parla di tutto tranne che dei problemi di Palermo e che al contempo – aggiunge – esprime il crescente consenso che si e’ creato attorno alla Lega e all’azione politica di Matteo Salvini“.

I palermitani meritano di essere ascoltati e rappresentati – aggiunge Elio Ficarra, consigliere comunale e responsabile provinciale enti locali – e non mortificati e vessati“.

Le prossime domeniche – aggiungono Gelarda e Ficarra – continueremo a raccogliere firme in via Libertà, ma anche in altri quartieri di Palermo e sarà possibile firmare fino a fine aprile, poi le firme raccolte verranno consegnate direttamente al sindaco Orlando“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.