In mostra a Palermo dipinti caravaggeschi custoditi nei depositi dell'Abatellis [Gallery] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

capolavori esposti

In mostra a Palermo dipinti caravaggeschi custoditi nei depositi dell’Abatellis [Gallery]

di
20 Aprile 2017

Il “caravaggismo” nell’ambito artistico siciliano e napoletano è il filo conduttore della mostra “Suggestioni caravaggesche”: una selezione di tredici dipinti, custoditi nei depositi della Galleria regionale di Palazzo Abatellis, a Palermo, che dal 13 maggio al 17 settembre potranno essere ammirati nelle sale del Museo palermitano.

La mostra, realizzata nell’ambito della “Settimana delle culture” da un’idea di Gabriella Renier Filippone e Giacomo Fanale (che ha curato il progetto espositivo), è promossa dall’associazione IDEAHub presieduta da Giacomo Badami, dal Rotary Club Palermo Est, dal Rotary Club Palermo Ovest e dall’associazione Volo. Il coordinamento generale è del Direttore Sergio Aguglia; il coordinamento e la cura scientifica sono di Evelina De Castro.

Le opere in mostra, (alcune delle quali inedite), si inseriscono a buon titolo nel tema scelto, che indaga un campo arduo e complesso, ancora argomento di studi e di approfondimenti, come il caravaggismo presente nell’arte napoletana e siciliana, proponendo dipinti, i cui autori hanno risentito di “suggestioni caravaggesche”. La mostra presenta, infatti, alcuni filoni significativi del caravaggismo meridionale, inteso come  suggestione che pervase sia le iconografie che i modi espressivi. Dalle copie, alle interpretazioni, alle citazioni, alle prove di classicismo su base caravaggesca, l’esposizione consente inoltre alcuni approfondimenti monografici mirati: da Mario Minniti, a Pietro Novelli, ai napoletani Giovanni Ricca e Filippo Vitale.

La selezione di opere dai depositi di Palazzo Abatellis va alla ricerca, non tanto della “influenza della presenza di Caravaggio a Palermo” (di cui tanto si è dibattuto e si dibatte), ma di quelle suggestioni che, ad esclusione del solo Mario Minniti che gli fu sodale nell’esperienza siciliana, gli artisti delle generazioni successive trassero dalla lezione di Caravaggio, così come si era affermata in tempi e in luoghi diversi.

Il percorso della mostra, estremamente concentrato, si integra all’esposizione permanente di Palazzo Abatellis, ove nelle due sale dell’ala di ampliamento, “Sala verde” e “Sala rossa”, si può agevolmente riconoscere il tema del confronto con Caravaggio e col Caravaggismo che attraversa la pittura meridionale della prima metà del XVII secolo: da Filippo Paladini a Pietro D’Asaro, da Battistello Caracciolo al Ribera a Pietro Novelli, a Simon Vouet a Matthias Stom, inclusa una copia antica della Cena in Emmaus di Caravaggio, a rendere ancora più serrato e “circolare” il legame fra le opere in esposizione permanente e le opere dei depositi proposte in questa mostra.

“Suggestioni caravaggesche” potrà essere visitata dal 13 maggio al 17 settembre, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18,30; sabato, domenica e festivi dalle 9 alle 13. Lunedì chiuso. L’ingresso alla sola mostra è gratuito, mentre il biglietto singolo intero per tutte le collezioni è di 8 euro (ridotto 4 euro).  

A conclusione della mostra, che si protrarrà fino alla fine di  settembre, un convegno di studi fornirà l’occasione per un dibattito sul tema del caravaggismo in Sicilia, argomento ancora aperto a contributi di lettura e di analisi ampie. Sarà quella l’occasione per la presentazione del catalogo della mostra che conterrà I contributi degli storici dell’arte coinvolti, per una lettura del fenomeno artistico oggetto di questa esposizone, attraverso le opere in mostra. Il catalogo a stampa, coordinato da Sergio Aguglia per la cura di Evelina De Castro, ospiterà i contributi scientifici degli storici dell’arte e degli studiosi che hanno condiviso il progetto: Maria Concetta Di Natale, Giuseppe Abbate, Giuseppe Cipolla, Evelina De Castro, Giovanni Mendola, Giuseppe Porzio, Valeria Sola, Donatella Spagnolo.

Il progetto espositivo curato dall’architetto Giacomo Fanale e dalla Direzione di Palazzo Abatellis, vedrà coinvolti materialmente gli allievi del III° anno del corso di Design, del liceo artistico E.Catalano di Palermo, che si occuperanno dell’allestimento sotto la guida  dei docenti Giacomo Badami e Giacomo Fanale, e dell’accoglienza durante le ore di  aperture della mostra, come previsto  dalla convenzione “scuola lavoro” sottoscritta fra  I.D.E.A.hub, con il suo presidente Giacomo Badami, e l’Istituzione Scolastica.

I Rotary, coinvolti nel progetto insieme alle associazioni e in particolare, I.D.E.A.hub, si prefiggono con questa iniziativa, come in tante altre già messe in atto, di essere promotori di una diffusione più radicale dei valori che sono alla base della nostra cultura, valorizzandone le risorse artistiche presenti nel territorio, come nel caso della mostra proposta.

 

 

Orario e giorno inaugurazione

Inaugurazione sabato 13 maggio, alle 10,30

 

Orari della mostra:

Dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18.30

Sabato, domenica e festivi dalle 9 alle 13

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.