In mostra a Palermo l'archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 31 agosto

In mostra a Palermo l’archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery

di
25 Giugno 2018

Scorri la galleria fotografica in alto

Dopo aver vinto la prima edizione del bando Italian Council 2017, concorso ideato e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo, fa tappa in città, all’Archivio Storico Comunale (via Maqueda, 157) l’indagine sulle vittime e i protagonisti della lotta alla mafia dell’artista Eva Frapiccini.

Il lavoro, dal titolo “Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima“, è il frutto di un progetto partecipativo che ha impegnato archivi storici e gruppi di riflessione sul tema mafia, parenti delle vittime, scuole e biblioteche a Palermo e nel resto d’Italia, in un viaggio alla ricerca delle figure che hanno caratterizzato la lotta alla mafia dagli anni ’70 agli anni ’90.

eva frapiccini

L’approccio scelto dall’artista si concentra sulla dimensione personale e intima che si vede nelle testimonianze di magistrati, giornalisti, sindacalisti, ispettori di polizia e privati ​​cittadini che hanno passato la vita a combattere la mafia.

L’opera è un’installazione concepita come un archivio mobile consultabile dallo spettatore, una struttura in ferro battuto che contiene le fotografie incorniciate dei documenti unici, altrimenti non visibili. Il lavoro fotografico assume dunque l’aspetto della testimonianza e della ricerca, inserendosi a sua volta nel contesto di un importante archivio storico e dialogando con esso.

Attraverso la documentazione fotografica, il progetto mette in evidenza strumenti quotidiani, come discorsi, registri, quaderni e altre note che sono stati raccolti e archiviati in molti archivi privati.

Il risultato è, quindi, un archivio in corso che, attraverso un’installazione accessibile, invita il pubblico ad approfondire la vita quotidiana di queste persone, uccise perché troppo virtuose.

Ogni fotografia presentata nella mostra desidera sottolineare l’importanza di questa costante azione, al di là dell’iconologia costruita attorno a vittime ed eroi.

Eva Frapiccini

Il progetto si inserisce nell’ambito del programma di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e di Manifesta 12.

Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima” è realizzato con il patrocinio del Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Giovanili, Scuola, Lavoro, Salute, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo – Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte; Archivio Storico Comunale di Palermo; Istituto Italiano di Cultura a Bruxelles; Liceo Artistico Catalano di Palermo; Liceo Artistico Ragusa-Kiyohara di PalermoMUSINF, Museo d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia di Senigallia.

Visitabile fino al 31 agosto, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13; il mercoledì anche dalle 15,30 alle 17,30.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin