In mostra a Palermo l'archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 31 agosto

In mostra a Palermo l’archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery

25 Giugno 2018

Scorri la galleria fotografica in alto

Dopo aver vinto la prima edizione del bando Italian Council 2017, concorso ideato e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo, fa tappa in città, all’Archivio Storico Comunale (via Maqueda, 157) l’indagine sulle vittime e i protagonisti della lotta alla mafia dell’artista Eva Frapiccini.

Il lavoro, dal titolo “Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima“, è il frutto di un progetto partecipativo che ha impegnato archivi storici e gruppi di riflessione sul tema mafia, parenti delle vittime, scuole e biblioteche a Palermo e nel resto d’Italia, in un viaggio alla ricerca delle figure che hanno caratterizzato la lotta alla mafia dagli anni ’70 agli anni ’90.

eva frapiccini

L’approccio scelto dall’artista si concentra sulla dimensione personale e intima che si vede nelle testimonianze di magistrati, giornalisti, sindacalisti, ispettori di polizia e privati ​​cittadini che hanno passato la vita a combattere la mafia.

L’opera è un’installazione concepita come un archivio mobile consultabile dallo spettatore, una struttura in ferro battuto che contiene le fotografie incorniciate dei documenti unici, altrimenti non visibili. Il lavoro fotografico assume dunque l’aspetto della testimonianza e della ricerca, inserendosi a sua volta nel contesto di un importante archivio storico e dialogando con esso.

Attraverso la documentazione fotografica, il progetto mette in evidenza strumenti quotidiani, come discorsi, registri, quaderni e altre note che sono stati raccolti e archiviati in molti archivi privati.

Il risultato è, quindi, un archivio in corso che, attraverso un’installazione accessibile, invita il pubblico ad approfondire la vita quotidiana di queste persone, uccise perché troppo virtuose.

Ogni fotografia presentata nella mostra desidera sottolineare l’importanza di questa costante azione, al di là dell’iconologia costruita attorno a vittime ed eroi.

Eva Frapiccini

Il progetto si inserisce nell’ambito del programma di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e di Manifesta 12.

Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima” è realizzato con il patrocinio del Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Giovanili, Scuola, Lavoro, Salute, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo – Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte; Archivio Storico Comunale di Palermo; Istituto Italiano di Cultura a Bruxelles; Liceo Artistico Catalano di Palermo; Liceo Artistico Ragusa-Kiyohara di PalermoMUSINF, Museo d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia di Senigallia.

Visitabile fino al 31 agosto, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13; il mercoledì anche dalle 15,30 alle 17,30.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.