In mostra a Palermo l'archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 31 agosto

In mostra a Palermo l’archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery

di
25 Giugno 2018

Scorri la galleria fotografica in alto

Dopo aver vinto la prima edizione del bando Italian Council 2017, concorso ideato e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo, fa tappa in città, all’Archivio Storico Comunale (via Maqueda, 157) l’indagine sulle vittime e i protagonisti della lotta alla mafia dell’artista Eva Frapiccini.

Il lavoro, dal titolo “Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima“, è il frutto di un progetto partecipativo che ha impegnato archivi storici e gruppi di riflessione sul tema mafia, parenti delle vittime, scuole e biblioteche a Palermo e nel resto d’Italia, in un viaggio alla ricerca delle figure che hanno caratterizzato la lotta alla mafia dagli anni ’70 agli anni ’90.

eva frapiccini

L’approccio scelto dall’artista si concentra sulla dimensione personale e intima che si vede nelle testimonianze di magistrati, giornalisti, sindacalisti, ispettori di polizia e privati ​​cittadini che hanno passato la vita a combattere la mafia.

L’opera è un’installazione concepita come un archivio mobile consultabile dallo spettatore, una struttura in ferro battuto che contiene le fotografie incorniciate dei documenti unici, altrimenti non visibili. Il lavoro fotografico assume dunque l’aspetto della testimonianza e della ricerca, inserendosi a sua volta nel contesto di un importante archivio storico e dialogando con esso.

Attraverso la documentazione fotografica, il progetto mette in evidenza strumenti quotidiani, come discorsi, registri, quaderni e altre note che sono stati raccolti e archiviati in molti archivi privati.

Il risultato è, quindi, un archivio in corso che, attraverso un’installazione accessibile, invita il pubblico ad approfondire la vita quotidiana di queste persone, uccise perché troppo virtuose.

Ogni fotografia presentata nella mostra desidera sottolineare l’importanza di questa costante azione, al di là dell’iconologia costruita attorno a vittime ed eroi.

Eva Frapiccini

Il progetto si inserisce nell’ambito del programma di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e di Manifesta 12.

Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima” è realizzato con il patrocinio del Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Giovanili, Scuola, Lavoro, Salute, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo – Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte; Archivio Storico Comunale di Palermo; Istituto Italiano di Cultura a Bruxelles; Liceo Artistico Catalano di Palermo; Liceo Artistico Ragusa-Kiyohara di PalermoMUSINF, Museo d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia di Senigallia.

Visitabile fino al 31 agosto, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13; il mercoledì anche dalle 15,30 alle 17,30.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.