18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05
Palermo

Fino al 31 agosto

In mostra a Palermo l’archivio mobile di Eva Frapiccini sulla lotta alla mafia | Fotogallery

25 Giugno 2018
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Scorri la galleria fotografica in alto

Dopo aver vinto la prima edizione del bando Italian Council 2017, concorso ideato e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo, fa tappa in città, all’Archivio Storico Comunale (via Maqueda, 157) l’indagine sulle vittime e i protagonisti della lotta alla mafia dell’artista Eva Frapiccini.

Il lavoro, dal titolo “Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima“, è il frutto di un progetto partecipativo che ha impegnato archivi storici e gruppi di riflessione sul tema mafia, parenti delle vittime, scuole e biblioteche a Palermo e nel resto d’Italia, in un viaggio alla ricerca delle figure che hanno caratterizzato la lotta alla mafia dagli anni ’70 agli anni ’90.

eva frapiccini

L’approccio scelto dall’artista si concentra sulla dimensione personale e intima che si vede nelle testimonianze di magistrati, giornalisti, sindacalisti, ispettori di polizia e privati ​​cittadini che hanno passato la vita a combattere la mafia.

L’opera è un’installazione concepita come un archivio mobile consultabile dallo spettatore, una struttura in ferro battuto che contiene le fotografie incorniciate dei documenti unici, altrimenti non visibili. Il lavoro fotografico assume dunque l’aspetto della testimonianza e della ricerca, inserendosi a sua volta nel contesto di un importante archivio storico e dialogando con esso.

Attraverso la documentazione fotografica, il progetto mette in evidenza strumenti quotidiani, come discorsi, registri, quaderni e altre note che sono stati raccolti e archiviati in molti archivi privati.

Il risultato è, quindi, un archivio in corso che, attraverso un’installazione accessibile, invita il pubblico ad approfondire la vita quotidiana di queste persone, uccise perché troppo virtuose.

Ogni fotografia presentata nella mostra desidera sottolineare l’importanza di questa costante azione, al di là dell’iconologia costruita attorno a vittime ed eroi.

Eva Frapiccini

Il progetto si inserisce nell’ambito del programma di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e di Manifesta 12.

Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima” è realizzato con il patrocinio del Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Giovanili, Scuola, Lavoro, Salute, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo – Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte; Archivio Storico Comunale di Palermo; Istituto Italiano di Cultura a Bruxelles; Liceo Artistico Catalano di Palermo; Liceo Artistico Ragusa-Kiyohara di PalermoMUSINF, Museo d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia di Senigallia.

Visitabile fino al 31 agosto, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13; il mercoledì anche dalle 15,30 alle 17,30.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.